English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Accademia Apulia Photography Award 2011, il fotografo Erhan Uçar tra i finalisti

6 Feb 2012 | Nessun Commento | 1.969 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Erhan Uçar

Sono stati annunciati i tre finalisti de Accademia Apulia Photography Award 2011, il concorso annuale di fotografia promosso dall’Accademia Apulia UK. Selezionati tra 750 partecipanti provenienti da 31 paesi, i loro nomi sono: Paolo Patrizi, Alexandra Polina, Erhan Uçar. Le loro opere saranno esposte in una mostra collettiva che si terrà il 10 febbraio 2012 a Londra, nella prestigiosa cornice del Royal Horseguards.

I tre finalisti saranno ospiti dell’Accademia nonché invitati d’onore della cerimonia di premiazione durante la quale sarà annunciato il vincitore del concorso che riceverà’ un premio di 1.000 euro. Accademia Apulia Photography Award è un concorso annuale aperto agli appassionati di fotografia. Ogni partecipante viene esaminato da una commissione di esperti in base ad un saggio fotografico di tre opere.

La giuria dell’edizione 2011 era composta da Barbara Roche (Museo della migrazione Project) Daniel Brant (A+D Gallery), Diane Smyth (British Journal of Photography), Jennifer Francis (Royal Academy of Arts), John Ingledew (University of Gloucestershire), Lucilla e Fabrizio Barbieri (Coppi Barbieri), Stefano Tura (RAI) e Steve Macleod (Metro Imaging).

‘Il calibro e la qualità delle opere in concorso quest’anno sono state eccezionali. Siamo orgogliosi di sostenere questi fotografi con il riconoscimento che meritano,’ ha affermato Angelo Iudice, presidente di Accademia Apulia UK.

Ogni anno il concorso si concentra su tematiche socio-economiche di forte attualità, con l’intento di promuovere fotografi emergenti di diverse nazionalità. Date le finalità artistiche, culturali e sociali, il concorso fotografico Migration, Stories of a Journey si è svolto con il Patrocinio del Consolato Generale d’Italia in Londra, di Amnesty International, del British Council, della Rappresentanza della Commissione Europea nel Regno Unito e de International Organisation for Migration e vede come media partner dell’iniziativa il quotidiano on line www.lsdmagazine.com diretto da Michele Traversa.

Il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano ha conferito una propria medaglia di rappresentanza.

Erhan UçarIniziamo con questa intervista  al finalista Erhan Uçar  curata dall’Accademia Apulia Uk una serie di articoli sull’evento.

Erhan Uçar  è un fotografo che vive tra l’Italia ed Istanbul. Ha iniziato a scattare foto da giovanissimo, la fotografia è la sua passione ed il suo modo di esprimersi. Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali ed internazionali, ha inoltre partecipato a mostre collettive, mostre personali e slide shows ricevendo riconoscimenti internazionali. E’ stato membro di giurie di concorsi fotografici italiani e turchi. Attualmente, lavora per diverse organizzazioni con sede in Turchia.L’essere umano è l’elemento principale della sua fotografia in cui le persone svolgono un ruolo di primo piano. In tutti i libri sacri l’essere umano ha il ruolo principale. Tutto inizia con l’essere umano e con l’essere finisce. Ecco perché le persone sono il centro della sua fotografia.

Per Accademia Apulia Photography Award 2011 ha presentato un saggio sulle tribù nomadi dei Sarıkeçililer. Cosa ha motivato questo lavoro?

I Sarıkeçililer, una delle ultime tribù nomadi dell’Anatolia, diventeranno presto stanziali. I tempi e i modi per l’abbandono di uno stile di vita secolare saranno decisi dai contatti tra il governo turco e i leader della comunità. Per oltre mille anni i nomadi hanno guidato le loro greggi di capre e i loro cammelli per l’Anatolia. Le loro pratiche migratorie millenaria sono giunte al termine. Essi sono discendenti di una antica tradizione, cultura ed esperienza. Ho voluto documentare la storia di questi nomadi dell’Anatolia. Per questo motivo, nel 2008 e 2009, ho visitato e vissuto con un gruppo Sarıkeçililer nelle Montagne Toros, sperimentando il loro modo di vita. Ho effettuato un reportage sui Sarıkeçililer dall’alba al tramonto che raffigura la loro vita sociale durante il viaggio nomade dal centro al sud dell’Anatolia. Ho voluto illustrare le loro tradizioni e il loro patrimonio culturale oggi in pericolo di estinzione, ma soprattutto mi interessava esplorare i loro sentimenti e il disagio di essere un gruppo nomade di fronte alla sfida di cambiare stile di vita in modo permanente. Il conflitto di vivere in bilico tra tradizione e modernità.

Erhan UçarIn qualita’ di narratore visivo, cosa cerca in termini di temi / luoghi?

Per me e’ importante seguire il soggetto nella sua vita quotidiana fino a quando la mia presenza e’ dimenticata e allora colgo la sua spontaneità. Mi piace essere nel flusso degli eventi e catturare il momento magico.

Le sue opere esprimono compassione ed empatia per le persone e le situazioni documentate dalla fotocamera. Come osservatore e testimone, come gestisce i confini tra dello spazio personale, e i soggetti lasciati alle spalle?

E’ molto difficile gestire le emozioni, tutti i tipi di emozione che mi colpiscono quando scatto una foto. Esiste un legame percettivo tra me e il soggetto che consente uno scambio profondo tra noi. A volte non mi è possibile scattare fotografie perché sono sopraffatto dalle emozioni.

C’è un fotografo passato / presente che ammira particolarmente?

Sebastiao Salgado perché è sempre al posto giusto nel momento giusto per catturare gli avvenimenti. Ovviamente, il suo livello tecnico è molto alto e lui domina la luce così abilmente che non posso non ammirarlo. In Turchia ci sono molti fotografi che amo, ma nella mia professione vedo come maestri della fotografia Isa Çelik e Cerkes Karadag perché usano l’arte fotografia come forma di linguaggio unica ed originale.

Erhan UçarSu cosa stai lavorando al momento?

In realtà, sto lavorando su diversi progetti, in particolare in Turchia mi occupo di un antico sport nazionale “Yağlı güreş”, “Wrestling Oil” si tratta di un antica tradizione sportiva che si tiene in Tracia dal 1362. Mi occupo ancora dei migranti dell’Anatolia. In Italia sto lavorando sulla diversità culturale e la migrazione, per porre in parallelo questi fenomeni sociali in paesi diversi come la Turchia e Italia.

Qual e’ il suo prossimo sogno?

Vorrei scattare immagini di un mondo che vive la pace.

Quale suggerimento ha per aspiranti fotografi?

Imparate le tecniche di base della fotografia. Portate con voi la macchina fotografica e fotografate quanto vi porta a conoscere la vostra anima, poi quella altrui. La vostra vera vocazione fotografica emergera’ cosi’ pontaneamente. Ricordate, inoltre, la fotografia non può risolvere i problemi el mondo, ma certamente crea consapevolezza.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie