English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Il dittico “La voix humainè” e “Cavalleria Rusticana” incantano il Petruzzelli in replica fino al 27 ottobre

20 Ott 2019 | Nessun Commento | 187 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Una proposta inconsueta è andata in scena ieri sera nel Teatro Petruzzelli perché la Fondazione lirica ha accostato le due opere brevi La voix humainè di Francis Poulenc su testo di Cocteau, già presentata a Bari nell’aprile del 2007, e Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni su libretto tratto da Verga. Questo dittico è stato presentato per la prima volta a Bologna nel 2017 con la regia, per entrambe le opere, di Emma Dante. Ora il Petruzzelli ha ripreso, di quella edizione, La voix humainè a le ha accostato una Cavalleria che aveva messo in scena nel 2010 con la regia di Michele Mirabella. L’orchestra della Fondazione è stata diretta dal maestro Renato Palumbo.
Sono opere differenti tra loro: la prima, una tragedie lirique, un testo teatrale di Cocteau che Poulenc musicò nel 1958, è un monologo interiore di una donna borghese abbandonata dal suo uomo. L’altra, che ha debuttato nel 1890, è un’opera corale che si svolge in una piazza e racconta di una donna sedotta e abbandonata. Nell’incontro di presentazione, la critica Carla Moreni ha individuato nell’origine letteraria dei libretti una delle possibili affinità tra le opere. Emma Dante per rendere ‘la voix’ di Poulenc e Cocteau, immagina che la protagonista, Elle – una straordinaria Anna Caterina Antonacci – si muova in una stanza bianca e rosa, che si trasforma poi nella camera di un ospedale psichiatrico. Camminando la donna parla al telefono con l’uomo che la ha lasciata e intorno a lei si muovono figure che – dice Emma Dante – appaiono in scena come fantasmi rievocati dal suo immaginario.
Per l’opera di Mascagni, anche Mirabella fa riferimento alla voce, alla lingua, una lingua diretta e popolaresca, e ricorda ancora che allestendo un’opera lirica, bisogna cantare il contesto storico che traspare dalla lingua, e non allontanarsi mai dal carattere dei personaggi. E la sua Cavalleria rimanda ai paesi siciliani di fine Ottocento, con la cupola della Chiesa che incombe sulla scena e sulla solitudine dei personaggi. Cavalleria è interpretata tra gli altri da Carmen Topciu, Walter Fraccaro, Maria Luisa de Freitas, Alberto Gazale, Elena Borin. Si replica fino al 27 ottobre.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie