English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Il “Corato Jazz Festival” torna a dicembre con tre imperdibili appuntamenti

30 Nov 2015 | Nessun Commento | 884 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

cRinasce il CORATO JAZZ FESTIVAL, organizzato dall’Associazione Culturale “Art Promotion” con il patrocinio e il contributo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Corato che ha inserito l’evento nel cartellone del Dicembre Coratino.

Dopo il concerto di anticipazione di “Pierluigi Balducci BLUE FROM HEAVEN Quartet” svoltosi il 23 luglio scorso in Piazza Sedile e dedicato al grande musicista John Taylor, il festival prosegue presso il Teatro Comunale di Corato con un programma avvincente e di alto profilo, che inaugura la Stagione 2015/2016. Per la prima volta le porte del Teatro si apriranno al jazz con alcuni dei grandi nomi del panorama musicale italiano, noti a livello internazionale. Tre concerti, ad ingresso gratuito e sino ad esaurimento posti, che si svolgeranno sabato 5, domenica 6 e lunedì 7 dicembre 2015 con inizio alle ore 21:30.

 

Sabato 5 dicembre

MARIA PIA DE VITO / RITA MARCOTULLI / MICHELE RABBIA in “Droplets”

Progetto inedito con una formazione che si esibisce per la prima volta a Corato. Èc2 un’occasione imperdibile per ascoltare la prima volta lo straordinario trio formato dalla voce di Maria Pia De Vito, dal pianoforte di Rita Marcotulli, dalle percussioni di Michele Rabbia. Sono tre delle personalità più forti del jazz italiano, che hanno suonato spesso insieme l’uno con l’altro, ma non hanno mai suonato tutte e tre insieme prima d’ora. Il programma di questo loro “debutto” non è rigorosamente stabilito, d’altronde non sarebbero dei jazzisti se l’improvvisazione non fosse la loro regola. Rita Marcotulli spiega così il loro approccio alla musica: “La nostra musica non è collocata in uno stile ben preciso, perché attinge da tanti generi musicali, jazz ma anche musica ritmica – indiana, africana, pop – o classica o elettronica o di ricerca. Non ci sono confini, il suono e la musica sono ciò che ci interessa, creare un’emozione. Poesia… C’è però una cosa in comune con tutti questi stili e forme, che chiamiamo jazz: l’improvvisazione, che unisce tutti i linguaggi. Siamo dei compositori istantanei”.

La formazione: Maria Pia De Vito (voce) – Rita Marcotulli (piano) – Michele Rabbia (batteria e percussioni).

 

Domenica 6 dicembre

OPACUPA presenta “Baluardo Live Tour”

c3Trascorsi quasi venti anni da quando nel ’98 si formò la prima cellula degli Opa Cupa, la band rappresenta il primo progetto balkan nato in Salento. Opa Cupa è il racconto di testimonianze irripetibili, è una storia di immigrazione, il racconto di viaggi e partenze in cui la condivisione e l’esplorazione generano un’alchimia potente in grado di far crollare le barriere sociali dinanzi al confronto tra etnie e culture apparentemente lontane e diverse. Il percorso artistico della band è caratterizzato dalla ricerca delle melodie dei Balcani che si  incrociano con le sonorità tipiche del Sud Italia. Arricchite da sfumature progressive jazz e impreziosite dai tempi dispari e irregolari, creano un connubio perfetto fra tradizione ed avanguardia. L’esplosiva band composta da 12 elementi, guidata dal Maestro Cesare Dell’Anna negli anni si è nutrita di contaminazioni, esperimenti e dinamicità. Da questa mentalità nasce “Baluardo”, quarto album della band in cui Cesare Dell’Anna mischia le carte per l’ennesima volta sfidando se stesso, amalgamando immaginari colti con espressioni popolari. Il sound degli Opa Cupa è sfrontato, sprezzante del pericolo di osare che viene rovesciato ed utilizzato per giocare.

La formazione: Cesare Dell’Anna (tromba) – Irene Lungo (voce) – Mauro Tre (farfisa e synth) – Rocco Nigro (fisarmonica e synth) – Antonio De Marianis (batteria) – Davide Arena (sax tenore) – Giancarlo Dell’Anna (tromba) – Andrea Doremi (tuba) – Gino Semeraro (chitarra) – Giuseppe Coccoli (clarinetto) – Michele Minerva (basso) – Cristoforo Micheli (voce)

 

Lunedì 7 dicembre

GIANLUCA PETRELLA “Cosmic Renaissance”

Dopo sette anni di vita, tre dischi (di cui il primo, edito da L’Espresso, ne ha sancito l’inizioc4 naturale) e una serie nutrita di concerti in gran parte d’Europa, la Cosmic Band si presenta, per la nuova stagione, con una formazione completamente rielaborata. Il progetto originario nasce nel 2007 per celebrare la musica di Sun Ra e prende presto il passo e le sembianze del leader Gianluca Petrella, che disegna un repertorio totale e altrettanto visionario, nel quale convivono mondi sonori e artistici apparentemente lontani filtrati dalla sua personalità. Con il quintetto, l’idea musicale si fonda su una ricerca nuova, ancor più libera e personale, e su forme sonore in continua evoluzione, capaci di adattarsi con più facilità alle situazioni più svariate. Gianluca Petrella è uno dei più talentuosi trombonisti al mondo (ha vinto per due anni consecutivi il il celebre “Critics Poll” della rivista Down Beat, nella categoria “artisti emergenti”).

La formazione: Gianluca Petrella (trombone, laptop, moog, effetti) – Mirco Rubegni (tromba) – Francesco Ponticelli (basso, synth, campionatore) – Federico Scettri (batteria, laptop) – Simone Padovani (percussioni).

 

Media Partners: CoratoLive.it – Lo Stradone – Radio Selene – VideoItaliaPuglia

Organizzazione: Associazione Culturale ART PROMOTION

Direzione Artistica: Alberto La Monica

Per informazioni: https://www.facebook.com/pages/Corato-Jazz-Festival/101522123530121

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie