English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Il 3 Marzo l’Ateneo di Bari omaggia il genio creativo di Osvaldo Cavandoli

1 Mar 2015 | Nessun Commento | 1.195 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

osvaldoUn omaggio a Osvaldo Cavandoli, l’ideatore del personaggio La Linea che negli anni di Carosello ha rappresentato una novità assoluta in Televisione. Questo è “La Linea è libera” la conferenza spettacolo con cui l’Università degli Studi di Bari e Moscabianca, impresa di comunicazione, hanno deciso di onorare un genio dell’animazione martedì 3 marzo alle 17:00 presso il Salone degli Affreschi dell’Università di Bari. È Franco Liuzzi – docente universitario e direttore dell’impresa – a raccontare la storia di Cava “perché La Linea rappresenta magnificamente il concetto di creatività e celebrarlo il 3 marzo 2015 (a distanza di 8 anni dalla sua scomparsa) mi sembra un modo per chiarire l’impegno a stimolare gli studenti e gli addetti ai lavori ad attingere al loro patrimonio di idee” . Osvaldo Cavandoli è stato animatore, regista e fumettista italiano, celebre soprattutto per aver creato e animato il personaggio de La Linea ma che ha lavorato con lo studio Pagot (Calimero), Nedo Zanotti (Bill & Bull), Marco Biassoni (Lancillotto per Pavesi), Altan (La Pimpa). Attese il 1969 per poter entrare nel fantastico mondo della televisione e di Carosello, con una proposta fortemente originale: quella di un omino che cammina su una linea infinita. La storia di Cavandoli è dunque la storia della ricerca di un segno distintivo fortemente voluto in un’epoca, quella di Carosello, in cui la struttura della comunicazione televisiva cominciava a segnare il passo attorno a uno schema convenzionale. Dirà Picasso che “non c’è nulla di più difficile di una linea”. Il personaggio della Linea incontrò il favore del pubblico e affascinò la platea televisiva. Ma, con la fine di Carosello il 1 gennaio 1977, Cavandoli fu costretto a lasciare l’Italia perché La Linea – gli dissero – ricordava troppo la marca a cui era associata. Il personaggio seguì dunque l’emigrazione all’estero del suo inventore affermandosi nel tempo in 28 Paesi del mondo. È dunque il talento il protagonista di questa conferenza che punta a dare risalto a un maestro dell’animazione non adeguatamente celebrato. E l’appuntamento del 3 marzo 2015 è uno spiraglio di luce e una rara occasione in cui celebrare il genio italiano.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie