English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Il 29 e 30 ottobre parte a Milano la prima edizione del “Nomad Dance Fest”

28 Ott 2011 | Nessun Commento | 2.742 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Nomad-Dance
Da Ottobre 2011 gli appassionati di danza, musica e culture nomadi di tutto il mondo hanno ora il loro punto di riferimento: si tratta della prima edizione del Nomad Dance Fest, che si svolge a Milano (Superstudiopiù di via Tortona, 27) nel fine settimana del 29 e 30 ottobre 2011. Il primo Festival Italiano di Danze, Musica e Culture Nomadi dal Mondo si ispira alla “Gipsy Route” la via dei gitani che è stata percorsa dalle popolazioni nomadi più di 600 anni fa partendo dall’India, dal deserto dei Thar, attraverso la Persia, la Turchia, l’Egitto, il Marocco , i Balcani in particolare nel Sud della Francia, fino al Mediterraneo, Creta, Grecia, l’Andalusia in Spagna e alcune parti del Sud Italia.

Un festival dedicato alle musiche e alle culture migranti, alle tradizioni in movimento della via dei gitani, in modo universale e solidale perché è il tempo di recuperare tradizioni antiche che ci fanno ritornare alle nostre origini. Un progetto che vuole produrre danza, musica e cultura in modo solidale, attento ad essere eco sostenibile tramite eventi, artisti, musica autentica ed aziende che rispettino il nostro pianeta. Il Festival sosterrà alcune associazioni benefiche con la raccolta di fondi che saranno devoluti a fondazioni benefiche che rispettano i diritti umani.
Durante la serata di domenica 30 ottobre uno degli artisti del Festival sarà premiato con una scultura dell’artista Roberto Mulazzani che ha anche realizzato delle opere su tela e bozzetti per gli inviti del Nomad Dance Fest.

L’obiettivo del Festival è quello di riscoprire tradizioni e culture dei popoli nomadi, che hanno dato le origini a tutte le culture, la musica e le danze antiche: una kermesse di suoni, colori e sapori per scoprire le radici di tutte le danze folk e le tradizioni nomad-festivalnomadi che sono giunte fino a noi. Un weekend ricco e interattivo che si articola in workshops di danza, eventi, performance a tema, mostre d’arte e di pittura , artigianato locale e internazionale. Una parte espositiva sarà riservata alle scuole di danza, agli operatori del settore turistico, agli artigiani in modo da offrire un ventaglio molto ampio di proposte. Partner del Festival è Porsche Italia, in collaborazione con le proprie filiali di Milano. Per raccontare alcuni dei viaggi avventurosi affidati alla guida della Cayenne, sarà allestita una mostra video/fotografica relativa a due esperienze, una in Libia e una dalla Russia alla Mongolia.

Saranno presenti al Festival Incredibile India con l’ufficio del Turismo di Milano e la presenza alla Gala Show del direttore Mr. Gobhind Bhuyan che consegnerà un riconoscimento all’Artista Nomade del Festival. Inoltre Miss India Italy sarà nostro partner e alcune delle concorrenti della scorsa edizione di Dubai saranno presenti al Festival in meravigliosi Sarees e abiti tradizionali. Fulcro della manifestazione il Nomad Bazaar che ricreerà un vero souk con tanto di tende berbere, odalische che servono thè alla menta e dolci arabi e dove si potrà farsi coccolare da massaggi e trattamenti all’olio di Argan e disegni all’henne a mani e piedi proposti da Hammam Moressko di Milano. Nela Hall Souk si potrà assistere a performance di danza, musica, mostre e sfilate di abiti gipsy e gustarsi gli etnici e gustosi Nomad Happy hour dalle 19.30. Lo spazio “Teteria” o sala da thè araba, all’entrata del Festival, ricreerà una tenda del deserto e incanterà gli ospiti con la magia dei Tarocchi e l’Astrologia Karmica fra un thè alla menta e un tatuaggio all’hennè.
www.nomadancefest.com/#!expo

E’ previsto anche il concorso fotografico “Nomadismi” che premierà la foto con un viaggio da “Photoreporter Nomade” in India. La giuria sarà composta da fotografi professionisti italiani e alcuni degli artisti internazionali.
http://www.nomadancefest.com/#!nomadismi

I giovani danzatori potranno partecipare al concorso di danze nomadi ed etniche “Nomad  Roots” organizzato in collaborazione con Vietata riproduzione ed il Festival del Folclore di Valenza dove saranno premiati i migliori danzatori emergenti sul territorio italiano.
http://www.nomadancefest.com/#!concorso

Direttrice artistica del Nomad Dance Fest è Maya Devi, danzatrice ed insegnante di Danze Nomadi e Indiane, Maestra di Yoga, ricercatrice spirituale e fondatrice della scuola di danza e yoga Mudrarte di Milano. Nel corso del Festival saranno proposte Danze Indiane classiche e di fusione come la Bollywood, danze folk e tradizionali della Gipsy Route, Danze Gipsy del Rajasthan e Kalbeliya, danze orientali e del ventre, danze persiane, afghane e greche, flamenco e danze e musiche del Sud Italia. Sono attesi artisti da tutt’Italia e dalle aree della Gipsy Route che si esibiranno sul palco del Nomad Dance Fest.

Programma e artisti
I due giorni saranno suddivisi in due “Routes” diverse:
Il sabato è dedicato alle Vie dei deserti: “Dal deserto dei Thar in Rajasthan al Deserto del Sahara”. La domenica invece è dedicata alle Gipsy TribesDalla Persia, ai Balcani, all’Andalusia attraversando il Mediterraneo”.

I popoli gitani raccontano le loro storie e tradizioni attraverso musiche e danze.
Attraverso artisti nazionali ed internazionali che parteciperanno al Festival abbiamo la possibilità di vivere le magiche atmosfere di questi Paesi:
I Dhoad Gipsyes of Rajasthan (gruppo indiano nomade che ha suonato per Shakira e Mick Jagger) che ci incanteranno con i ritmi del Rajasthan; – la danzatrice Sua Devi con le danze degli incantatori di serpenti “Kalbeliya” del Rajasthan (Interprete del Film Latcho drom di Tony Gatlif); -Rappresentante della Danza classica indiana la danzatrice Nuria Sala Grau che presenterà workshop e performance di Teatro Danza Bharata MercedesRuizNatyam. – Schachlo elegante danzatrice dell’Uzbekistan di danze persiane e Afgane; – Mercedes Ruiz, una famosa bailaora di Flamenco di Jerez de La Frontera che ha vinto la Biennal de Sevilla e Il Festival de Jerez e che sarà accompagnata durante le lezioni e lo spettacolo dal chitarrista flamenco Santiago Lara.

Per la danza Orientale e Tribal Belly Dance Maestri di fama internazionale: –Irene Borg, Raffaella Cipolato, Giulia Mion, Catherine Ruillet, Francesca Pedretti, Alessandre Centonze e Jamila Zaki e il gruppo del Circolo Zagharid che ha curato insieme a Maya la sezione di danze mediorientali. Musicisti di musica orientale , fusion e etnica accompagneranno le danzatrici: Stolfo Fent e i Babele Mutante con Papi Moreno e Roberto Zanisi.

Per le danze tzigane e gipsy dei Balcani Vidhi Bogdanovska e Amira Nemeth dall’Ungheria ed ovviamente la Madre e creatrice di questo Festival Maya Devi che proporrà l’Hindi Flamenco, una fusione tra Flamenco e Danze indiane e Danze del Rajasthan insieme ai musicisti Dhoad e a Sua Devi.
Kajira Djoumahni, Guest star d’eccezione dagli USA, la creatrice del black sheep tribal belly dance, una fusion gipsy di danza orientale, indiana e flamenco.
Ospiti d’onore Walter Maioli, famoso ricercatore e musicista di flauto e strumenti preistorici che ha composto le musiche de “Il Gladiatore”, con il suo gruppo 1001 Blue nights che presenterà in anteprima il suo concerto “Trip to the origins” e la band napoletana Spakkaneapolis 55, interpreti del film “Passione” di John Turturro che presenteranno musica napoletana e del Sud Italia.

Ospite d’eccezione Mitzi von Wolfgang, famosa Maestra di Burlesque e danze Zingare che proporrà in esclusiva per il Festival una lezione unica di Gipsy Cabaret con mitzi-von-wolfgangperformance al Gala Show. Tutti gli artisti saranno accompagnati da gruppi di musicisti e danzeranno con musica live come in tutte le culture gitane.

Nomad Dance Fest , Superstudio più, via Tortona, 27 – Milano (MM Porta Genova). Orario del Festival, sab: 10.30-22.00, dom: 10.30-22.00

Ingresso al pubblico € 10 (tessera associativa) quota ridotta per studenti , Anziani over 60, disabili € 7. L’ingresso consente di visitare la Hall Souk, partecipare ed assistere a free classes e performance, eventi nella Tenda Berbera, beneficiare dello spazio Relax Hammam Moresko con massaggi e trattamenti all’Olio di Argan, visitare i vari espositori e fare shopping al Nomad Bazaar.

Nomad happy hour € 18,00 a persona (per evento). Ingresso Gala Show € 15.00 (Necessaria la prevendita € 3,00), ridotto per studenti , Anziani over 60, disabili € 12 (€ 2,00 prevendita)

Workshops: A) Workshops pass 1 day € 100 (Possibilità di scegliere sabato o domenica) B) Workshops pass 2 days € 180. 1 day passWorkshops+spettacolo+Nomad happy hour € 130 D) 2 days pass Workshops+2 Spettacoli € 220 E) 2 days pass Workshops+2 Spettacoli+2 Nomad happy hour all inclusive € 250

Potete acquistare i pass workshops e entrate spettacoli direttamente sul nostro sito effettuando il pagamento tramite Paypal. Clicca sul link per online booking: nomadancefest.blogspot.com/p/partecipazione

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie