English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
I vini italiani battono i “cugini francesi” alla Disfida Wine Challenge di Barletta

20 Dic 2016 | Nessun Commento | 819 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

dItalia batte Francia, due volte e nettamente. Per il secondo anno consecutivo sul podio della Disfida sventola il tricolore: la squadra dei vini italiani ha fatto il pieno di consensi sia fra le fila degli esperti in giuria tecnica che nella folta platea dei giurati pop. Sarà stato il buon vento della Disfida, quella vera, che dopo cinque secoli ancora soffia sulla città di Barletta. O, magari, sarà che l’Italia del vino è matura per affrancarsi da sudditanze e dividere la scena con i cugini d’Oltralpe (magari, anche, sui mercati internazionali).

Al termine delle degustazioni, tutte rigorosamente alla cieca, il vino più votato dagli esperti è stato un signor rosso d’annata, Pinot nero del 2011 griffato Colombo-Cascina Pastori, quell’Apertura maxima che dopo aver conquistato gli ori di Veronelli e Bibenda oggi conquista anche la Puglia. Tempi maturi per il “capitano” Nero di Troia che alla conta dei voti vince per la giuria popolare: lo Stibadium di Tenuta Coppadoro, cantina capofila del Consorzio Nero di Troia doc tavoliere. Bianco, fermo, dolce ma con grinta, il Sauternes grande réserve 2014 di Kressmann che ha conquistato il podio per la parte francese, in uno scontro ad armi pari con il Moscato di Trani 2013 di Villa Schinosa (che invece porta a casa il plauso e i voti del pubblico).

Sono questi i risultati della Disfida-Wine challenge numero due, gara adrenalinica giocata anche quest’anno fra le eleganti mura fortificate del castello svevo di Barletta, in abito lungo per l’occasione. Sbandieratori, redcarpet e testimonial d’eccezione come Christopher Lambert e Riccardo Scamarcio hanno illuminato la fortezza dirimpetto al mare, accogliendo un melting pot di linguaggi fra artigianato e arte. Obiettivo rendere onore a Bacco, portare il vino tra la gente, e lanciare un messaggio di unione nella qualità. “La Disfida mette in campo due grandi nazioni e il risultato dimostra che il problemad3 dell’Italia non è la qualità del vino, ma l’incapacità di tutelare, condividere, valorizzare e comunicare: gap che manifestazioni come questa aiutano a superare”, dichiara Luca Gardini, sommelier pluripremiato e ambasciatore del vino made in Italy nel mondo che ha guidato la seconda serata di degustazioni. Lo stesso Gardini, però, avverte: “Semplicità e calore sono la formula vincente: basta ingessature, i tecnici e le associazioni devono ricordarsi che tutti hanno un palato e togliersi un po’ di ruggine di dosso”. Un bagno di umiltà e un moto d’orgoglio sono quello che ci vuole.

Formula Banfi insomma, quella con cui il Lino nazionale – ospite d’onore della serata – è tornato a parlare al cuore della Puglia, confessando a scena aperta: “Il Nero di Troia? L’ho nominato quattro volte fuori copione durante le puntate di Un Medico in Famiglia, era il vino di mio padre”. E giù applausi e brindisi con un Nero di Troia – appunto – da competizione. Come Helena, il vino di casa Vespa che rende omaggio alla regina di Sparta e più in generale alla bellezza femminina tutta quanta. È questa l’etichetta che ha conquistato all’unanimità critici e pubblico al voto nella prima serata, una competizione d2riservata a 13 Nero di Troia degustati completamente al buio anche in questo caso.

“Ci sono migliaia di eventi sul vino, dalle sagre paesane a manifestazioni importanti come il Vinitaly e un po’ ovunque si registra una certa assuefazione agli eventi convenzionali”, chiosa Riccardo Cotarella, numero uno di Assoenologi che ha selezionato le etichette per il Wine challenge 2016, “per la regola che la novità attrae l’attenzione, il format ideato da Stefano Remigi non è solo una novità ma una rivoluzione”. “Non è importante chi vince – conclude Cotarella, con quel tanto di soddisfazione – quanto misurarsi alla cieca e sottolineo alla cieca fra grandi territori. Poi, sapere di aver superato i rossi francesi è un fulmine a ciel sereno. È l’uomo che morde il cane”. Ce n’è quanto basta per buttare il cuore oltre l’ostacolo: la terza edizione della Disfida-Wine challenge è pronta a guadare confini internazionali.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie