English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
I mercoledì letterari, un’occassione che si rinnova nel mondo della cultura

14 Dic 2008 | Nessun Commento | 1.467 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Tavolo di presentazione - Unione per il Mediterraneo
Il Mediterraneo e l’Europa, ieri e oggi. Il Pensiero meridiano o mediterraneo come dir si voglia si incrociano e si confrontano a Bari grazie all’incontro con lo scrittore di origini bosniache, (ma barese d’adozione), Predrag Matvejevic, faro delle riflessioni intorno alla questione mediterranea (il suo Breviario Mediterraneo è giunto ormai alla decima edizione e migliaia sono gli studenti che in tutta Europa e non solo prendono questo testo come riferimento) e oppositore di tutte le moderne “democrature”, quei regimi a metà strada tra democrazia e dittatura che caratterizzano molti Paesi dell’Est Europa. Già docente all’università di Zagabria e alla Sorbona, Matevejevic attualmente insegna Slavistica alla Sapienza di Roma.
Ed è stata questa la lezione che il professore ha tenuto ieri mattina negli spazi di Villa Camilla, (una meravigliosa struttura che si inaugurerà i primi giorni del nuovo anno) attraverso un discorso che ha spaziato dalla necessità di affrontare con serietà la prospettiva di una “Unione per il Mediterraneo”, al ruolo di Italia e Europa nei tempi della “nuova globalizzazione che arriva dall’oriente”. Introdotto da Anna Ferrara, Matvejevic ha poi conversato col sociologo barese Franco Cassano e con Cosimo Lacirignola, direttore dello IAM (Istituto Agronomico Mediterraneo) e presidente della Fiera del Levante.
Predrag Matvejevic
Lo scrittore, ha puntato l’accento sul “principio di collaborazione” che dovrebbe guidare le scelte politiche, sociali, economiche e culturali dei paesi sulle sponde del mare nostrum. “La mediterraneità è un sentimento sovranazionale – continua – ma il problema reale è che l’identità del fare non sostiene l’identità dell’essere”. Occorre trovare un politica comune sui temi degli scambi commerciali, dell’inquinamento, della sicurezza, dell’immigrazione, ma – come ha ammesso Matvejevic – “dopo la seconda guerra mondiale l’Italia non ha avuto tra le sue priorità la questione mediterranea”. E ha aggiunto: “Siamo stati in pochi a difendere il nostro Sud”. E tra questi pochi c’è sicuramente Franco Cassano, col suo “Pensiero meridiano”, che ha detto: “Noi del sud dobbiamo inventarci una prospettiva in cui l’essere qui diventi un vantaggio, e combattere il nostro principale nemico, che è l’individualismo”. Poi, riferendosi allo scrittore bosniaco, lo ha definito: “Il grande testimone di una speranza, perché ha proposto l’idea di una fraternità larga, che per noi italiani, soprattutto meridionali, rappresenta un’occasione straordinaria”.
Un Sud che è ormai diventato il Nord del mondo, che ha abbandonato il suo ruolo periferico e dove esistono realtà come quelle dello IAM, in Puglia, come ha ricordato Lacirignola: “Che concretizzano i processi di condivisone delle diversità”, essenziali nella prospettiva del Mediterraneo al centro del mondo e che però ancora pochi conoscono.
L’incontro mattutino ha preceduto il secondo appuntamento con i Mercoledì Letterari, che hanno visto Matvejevc relazionare sul tema: “Il Mediterraneo e l’Europa. Ieri e oggi”, con l’introduzione di Giuseppe Colucci. Durante l’incontro è stato proiettato anche il film-documentario “Verso Est” della regista napoletana Laura Angiulli, un viaggio nel conflitto balcanico, di cui Matvejevic è ispiratore e protagonista.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie