English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
I difensori dell’icona. In vendita su Amazon il nuovo libro del professor Antonio Calisi

27 Gen 2018 | Nessun Commento | 568 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

iconaIn questo saggio del prof. Antonio Calisi viene presentata in modo analitico la partecipazione dei vescovi dell’Italia meridionale al secondo Sinodo ecumenico tenutosi a Nicea nel 787. Le fonti storiche hanno registrato una grande partecipazione all’assise di vescovi che giunsero a Nicea dall’Italia meridionale, il che prova l’attenzione che vi era in questi luoghi, verso il culto delle icone e la salvaguardia della retta fede cristiana.

Durante la crisi iconoclasta, gli iconofili – coloro che veneravano le sante icone – monaci e vescovi, fuggirono dalle loro terre a causa delle persecuzioni, per cercare rifugio in quelle regioni del Sud Italia, considerate periferia dell’impero bizantino. Convocati dal patriarca Tarasio e dall’imperatrice Irene, i vescovi dell’Italia meridionale divennero promotori di un Concilio ecumenico pronto a sanare le ferite che dividevano la Chiesa di Costantinopoli.

La loro testimonianza fu ritenuta fondamentale e i loro interventi ebbero importante prestigio nello sviluppo degli argomenti sinodali. Testimoni credibili della fede appartenente a tutta la Chiesa, i vescovi dell’Italia meridionale manifestarono al Concilio la coscienza di riconoscersi uniti alla Chiesa di Roma e di Costantinopoli, per la qual cosa la loro opera fu fondamentale e decisiva.

Il Concilio di Nicea II, l’ultimo dei sinodi ecumenici, espressione della fede comune della Chiesa d’Oriente e d’Occidente, può essere per i cristiani di oggi, esempio di concordia per la guarigione delle separazioni nella comunità dei credenti sul fondamento della comune Tradizione. I vescovi del Mezzogiorno d’Italia sono stati gli autorevoli esponenti di questo desiderio di comunione e difensori dell’unità.

A tutt’oggi la presenza bizantina nell’Italia meridionale custodisce e coltiva ancora viva questa sua vocazione, quella di essere ponte tra Oriente e Occidente, punto di incontro tra la Chiesa Ortodossa e quella Cattolica, possibile strumento di riconciliazione tra i cristiani.

Un sentito grazie al prof. Calisi per questo suo ennesimo atto d’amore verso la ricerca della piena comunione tra le Chiese apostoliche.

Antonio Calisi vive a Bari, con sua moglie Magda Pacillo, dove insegna Religione Cattolica al Liceo Classico Statale “Socrate”. È Dottore in Sacra Teologia, laureato in Scienze storico-religiose all’Università “La Sapienza” di Roma. Giornalista e direttore editoriale della testata “il Messaggero Italiano”. Maestro iconografo, dipinge icone secondo la tradizione bizantina che ha appreso dai suoi numerosi viaggi nei monasteri di Russia, Romania, Albania, Grecia e Monte Athos. Tra le sue pubblicazioni: Monachesimo ed iconoclastia. La partecipazione dei monaci al Concilio di Nicea II (787), Bari 2011; Teodoro Lo Studita, Antirrheticus Adversus Iconomachos. Confutazioni contro gli avversari delle sante icone, traduzione, introduzione e note a cura di Antonio Calisi, Chàrisma Edizioni, Bari, 2013; Lo Spirito Santo in Cirillo di Gerusalemme, Chàrisma Edizioni Bari 2013.

Antonio Calisi, I difensori dell’icona. La partecipazione dei vescovi dell’Italia meridionale al Concilio di Nicea II (787), A.C. Edizioni, 2017, pp. 118. € 10,00

In vendita su Amazon

https://www.amazon.it/difensori-dellicona-partecipazione-dellItalia-meridionale/dp/1978401094/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1516393555&sr=1-1

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie