English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Gli Stati Generali della commedia italiana per l’ultima giornata del Festival del Cinema Europeo

3 Mag 2014 | Nessun Commento | 1.018 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

statigenerali8Il cinema «è sempre stato lo specchio del periodo che si vive, in un Paese sbandato lo è anche la creatività, basta pensare che ci siamo messi a rifare i film francesi. È difficile osservare la realtà oggi e tirar fuori commedie, trovando l’angolazione giusta». Ne è convinto Carlo Verdone, uno dei protagonisti oggi, insieme fra gli altri a Carlo Vanzina, Neri Parenti, Francesco Bruni, Fulvio Lucisano, Massimo Gaudioso, e ‘new entry’ come Pio e Amedeo, Sidney Sibilia, Edoardo Leo, degli Stati generali della commedia italiana, moderati da Marco Giusti, al Festival del Cinema europeo di Lecce, che si conclude oggi.
Anche se, precisa Verdone, «l’allarme per gli incassi minori al cinema è generale. Come ha scritto Variety il pubblico tra i 18 e i 24 anni sta scomparendo». Nell’invasione in Italia di commedie, però, individua qualche male endemico: «Si spremono sempre gli stessi attori, si ripetono gli stessi modelli, persino gli stessi titoli, quanti film con la parola amici e amico sono usciti negli ultimi anni?». L’attore-regista ha però apprezzato anche sguardi nuovi come quello di Sidney Sibilia con Smetto Quando voglio, «un film che mi ha interessato molto». E proprio Sibilia, che ora sta preparando come showrunner la sitcom Zio Gianni, che segue per Rai2 il modello produttivo fra internet e tv di Una mamma imperfetta, aggiunge che «i ragazzi oggi sono legati al modello di video brevi di you tube, e questo abbassa la loro soglia d’attenzione». Per Carlo Vanzina la fuga del pubblico giovane è dovuta anche al fatto che «i 20-25enni di oggi, non fanno commedie, come aveva fatto Carlo Verdone, per raccontare «come amano, come vivono. Per noi sono come degli ufo. I film ormai si possono fare anche con gli smartphone, possibile nessuno faccia Un sacco bello di oggi? Così continueremo a fare commedie d’imitazione, tutte uguali, con gli stessi cast, serve ricambio». E a Verdone, Vanzina suggerisce «di dirigere un bellissimo film con tutti giovani protagonisti». Possibilità non così lontana da realizzarsi: «Io ho sempre cercato di lanciare attori nuovi, da Claudia Gerini a Lorenzo Richelmy che ora hanno voluto anche a Hollywood (come protagonista per una miniserie su Marco Polo, ndr). Con la storia giusta non vedo l’ora di fare l’operazione che dici tu». Per Parenti «ci vorrebbe più innovazione e coraggio, anche nel sistema con cui si lanciano i film, che è rimasto lo stesso di 30 anni fa». Per Vanzina c’è poi il problema della scomparsa delle sale cittadine: «il pubblico adulto, l’unico che spende per il cinema, spesso non ha voglia di prendere la macchina per andare in un multiplex» sottolinea Fulvio Lucisano. Tra il ritorno di temi come la concorrenza televisiva, la scarsa attenzione di critici, festival e premi per la commedia, ma anche i fenomeni Zalone e I soliti idioti, arriva l’autocritica del duo pugliese Pio e Amedeo: «Per il nostro primo film (Amici come noi, che ha incassato intorno ai 3 milioni di euro) il 40% delle decisioni non le abbiamo potute prendere noi, lo capiamo, c’erano preoccupazioni di botteghino, ma ci sono cose che non avremmo mai messo. Ci hanno dato un regista del nord (Enrico Lando, ndr) con cui neanche ci capivamo». E poi, rivolgendosi a Matteo Oleotto, regista di Zoran, il mio nipote scemo, commedia indie premiata a Venezia e vincitrice qui a Lecce del Premio Mario Verdone, ma poco vista in sala: «tu sei probabilmente più orgoglioso della tua creatura che noi della nostra»…“Ma voi siete più ricchi”», gli ha risposto sornione Oleotto.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie