English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
‘Giochi di vita nell’età del sogno’ in scena alla Vallisa

13 Mag 2013 | Nessun Commento | 1.244 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

giochi di vitaGiochi di vita nell’età del sogno’ è poesia che si fa musica per divenire giochi d’ombra danzanti sul filo della follia, è una fuga dalla realtà e dalle visioni mostruose da essa generate, è un viaggio che termina in un luogo dove tutte le parole non significano nulla.
Andato in scena ieri all’interno del suggestivo Auditorium La Vallisa di Bari, ‘Giochi di vita’ e uno spettacolo di poesia in movimento che nasce dai testi di Pippo Marzulli e si sviluppa attraverso la collaborazione tra diversi artisti, nell’interpretazione dell’idea aborigena di vita, secondo la quale questa non è altro che sogno.
Da questo concetto si sviluppano, dunque, i monologhi che narrano la vita dalla nascita alla morte; una persona nasce e la sua condizione umana è del tutto accidentale, attribuitagli dal fato nella casualità del momento.
Così l’uomo si ritrova catapultato nella società, senza aver avuto possibilità di scelta, una società fatta di metropoli disumane e gabbie sociali. In suo aiuto giunge l’amore, il sentimento più forte che si possa provare e si rompe il guscio individualista che lo ha sempre tenuto al sicuro dal mondo esterno, cosa che gli fa prendere coscienza del mondo e della condizione di miseria e pochezza spirituale in cui versa l’uomo moderno.
Combattuto tra razionalità e passione, che nello spettacolo sono personificate grazie alle voci fuori campo, il protagonista si lascia trasportare da un sentimento di ribellione nei confronti della società e del sistema deviato che la governa e intraprende un viaggio di ricerca interiore e di scoperta del mondo che gli stravolgerà la vita.
In questo viaggio il nostro protagonista si spoglierà della sua umanità meccanizzata e stereotipata per tornare alla natura “madre”, caratterizza anche dalla scelta scenografica (un palco spoglio accoglie come unico elemento tangibile un albero bianco) e musicale (rumori ed elementi ancestrali riempiono la scena di pathos).
Il ritorno alla natura e al primordiale spingerà, quindi, il protagonista all’inevitabile ricerca spirituale fatta di molte domande e poche certezze.
Infine giunge la morte e solo ora l’uomo farà un resoconto della propria vita e s’interrogherà su cosa lo attende.

POESIA: Pippo Marzulli
VOCE: Ilaria Strippoli e Mario Scrima
RAP: Giuan Petruzzelli
TEATRODANZA: Valentina Basile, Giovanna Quinto e Grazia Marsico. MUSICHE: Michele Magno, Marco Malasomma e Luca Antonazzo
SCENOGRAFIE E COSTUMI: Jime Ghirlandi
REGIA AUDIO: Luca Ippolito

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie