English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Gazzetta del Mezzogiorno, la Procura chiede il fallimento. Il sindacato: «mobilitazione nazionale»

15 Mag 2020 | Nessun Commento | 233 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

La Procura della Repubblica di Bari ha chiesto il fallimento della Edisud, la società editrice de “La Gazzetta del Mezzogiorno”, lo storico quotidiano di Puglia e Basilicata con sede a Bari con più di 130 anni di vita. Con l’istanza depositata in Tribunale, si legge stamattina sul sito della “Gazzetta”, il procuratore aggiunto, Roberto Rossi, ha chiesto, inoltre, la concessione dell’esercizio provvisorio.

La prima udienza è stata fissata il 9 giugno”. “La decisione – si legge ancora sul sito della Gazzetta del Mezzogiorno – è arrivata in concomitanza con l’assemblea dei soci che è andata deserta. A mancare l’appuntamento strategico, ieri, è stata la famiglia Ciancio Sanfilippo – proprietaria della quasi totalità delle azioni della Spa – alla quale spettava nominare il nuovo Consiglio di amministrazione. Mossa prevedibile, dopo l’annuncio di volersi disimpegnare dalla gestione del giornale attraverso una procedura di liquidazione, che non si è potuta comunque realizzare”. “Ma l’istanza di fallimento coincide anche – per un ineffabile scherzo del destino – con la pubblicazione del report dei dati Audiweb che conferma anche nel mese di marzo le ottime performance del sito de La Gazzetta del Mezzogiorno certificando il raddoppio degli utenti unici medi giornalieri rispetto a febbraio e colloca la Testata al 42esimo posto nelle prime 100 testate on line nazionali. Dato da leggere anche con i dati Audipress che confermano la leadership dell’informazione del giornale in Puglia e Basilicata”, conclude il quotidiano.

Gazzetta del Mezzogiorno, la Fnsi e le Assostampa di Puglia e Basilicata: «Ora mobilitazione nazionale per l’informazione al Sud»

«La richiesta di fallimento della Edisud spa, editrice della Gazzetta del Mezzogiorno, da parte della Procura della Repubblica di Bari è l’epilogo scontato, ma non inevitabile, di una vicenda con troppi aspetti ancora da chiarire. L’unica cosa chiara, fino a questo momento, è la volontà dell’editore Mario Ciancio Sanfilippo, socio di maggioranza della Edisud, di abbandonare il giornale». Lo affermano la Federazione nazionale della Stampa italiana e le Associazioni regionali di Stampa di Puglia e Basilicata.
«Il sindacato dei giornalisti, a livello nazionale e territoriale – proseguono -, è pronto a fare la propria parte in tutte le iniziative che potranno e dovranno essere avviate per evitare che si spenga una voce importante del Sud Italia, la principale per i cittadini di Puglia e Basilicata. L’auspicio è che le azioni che il governo nazionale intende intraprendere, come annunciato dal sottosegretario con delega all’Editoria, Andrea Martella, possano portare ad un’assunzione di responsabilità non soltanto da parte dell’editore Ciancio Sanfilippo, ma anche e soprattutto da parte di quanti operano nel settore editoriale».
La Fnsi e le Associazioni regionali di Stampa di Puglia e Basilicata chiedono che «dal governo nazionale parta una mobilitazione per salvare la Gazzetta del Mezzogiorno e l’informazione al Sud esattamente come è avvenuto anche nel recente passato per aziende i cui azionisti avevano annunciato o minacciato la chiusura. Non è più tempo di messaggi di solidarietà e neanche di passerelle elettorali. Se è vero che l’informazione è un’infrastruttura strategica per la tenuta democratica del Paese, serve lo sforzo di tutti – conclude il sindacato – per salvare 132 anni di storia e i posti di lavoro».

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie