English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Galileo, immagini dell’universo, dall’antichità al telescopio in mostra a Palazzo Strozzi di Firenze

14 Mar 2009 | Nessun Commento | 4.313 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

galileoLuci soffuse, pannelli e pavimenti scuri a richiamare il buio, e in alto le stelle. È un’ambientazione volutamente notturna quella della mostra Galileo, immagini dell’universo, dall’antichità al telescopio, che si è aperta ieri 13 marzo a Palazzo Strozzi a Firenze e proseguirà fino al 30 agosto, e che è una delle tappe principali delle celebrazioni galileiane 2009 che ricordano le prime scoperte del grande scienziato pisano.
La mostra, presentata dal curatore e ideatore Paolo Galluzzi, direttore dell’Istituto e Museo di storia della scienza di Firenze, da James Bradburne, direttore della Fondazione Palazzo Strozzi, dall’assessore regionale alla cultura Paolo Cocchi, dal presidente dell’Ente Cassa di risparmio di Firenze Michele Gremigni, racconta in sei sezioni la storia dell’astronomia: si parte dagli albori (Mesopotamia, Egitto, cosmo biblico), si prosegue con la Grecia classica di Platone e Aristotele, l’idea del cosmo geometrico di Tolomeo, gli studi scientifici islamici, la cristianizzazione del cosmo, le tesi di Copernico e Tycho Brahe. Una sezione è appositamente dedicata a Galileo: ci sono i dettagli delle sue scoperte e anche uno dei suoi primi cannocchiali e numerosi disegni della luna realizzati grazie a questo strumento.

dialogo-GalileoIn una teca anche una reliquia, un dito della mano destra ‘staccato durante una traslazione della salma. Il percorso termina con coloro che possono essere considerati eredi dello scienziato, Keplero e Newton, e quindi con l’affermazione definitiva della scienza moderna.
Nel viaggio il visitatore è accompagnato da 250 opere provenienti dai maggiori musei del mondo tra disegni, dipinti, strumenti scientifici, atlanti astrologici e reperti archeologici. Chiaramente ogni singola opera ha un riferimento astronomico, come nei dipinti di Botticelli, Rubens, Guercino e Durer, così come negli oggetti: tra i più importanti l’Atlante Farnese, il monumentale arazzo astronomico di Toledo, e il dipinto di Jan Bruegel il vecchio ‘Linder Gallery interior’ esposto per la prima volta. Il tutto è arricchito dalla multimedialità e sono previsti percorsi dedicati a ragazzi e famiglie. «Si tratta – ha detto Bradburne – di una mostra che ha un peso chiave in tutte le celebrazioni italiane di Galileo. «Il cielo – ha spiegato Galluzzi- non è solo un oggetto di studio dell’astronomia ma interpreta anche le aspettative dell’umanità, dai bisogni pratici come prevedere il tempo alle paure inconsce, al destino, alle suggestioni delle stelle. Galileo è stato uno scienziato trasversale, e la sua scienza era profondamente connessa con le arti dello spirito, dalla musica all’astrologia. Questa è la chiave dell’esposizione». La mostra, sotto l’alto patronato del presidente della Repubblica, è promossa da Ente Carifi e Fondazione Palazzo Strozzi con la Regione, il ministero dei Beni culturali e il Comitato nazionale per le celebrazioni galileiane.

Info su apertura ed altro: www.palazzostrozzi.org

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie