English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Fate l’amore. Dal 10 luglio il libro ed uno spettacolo su Alda Merini con Cosimo Damiano Damato

4 Lug 2020 | Nessun Commento | 151 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Cosimo Damiano Damato ci raccontano la “sua” Alda Merini con la quale ha condiviso una corrispondenza d’amorosi sensi. Una lunga amicizia che ha narrato nel film “Una donna sul palcoscenico”, presentato alle Giornate degli Autori al Festival di Venezia nel 2009 e che oggi aggiunge un nuovo capitolo drammaturgico con il racconto inedito del libro “Fate l’amore”.
“Cosimo, io e te siamo amici di pietà nascoste”. Questo è un verso della poesia che Alda ha dedicato (e dettato al telefono) a Damato pochi giorni prima del suo volo, il giorno dei santi nel 2009. Sono questi versi profetici a donare l’incipit del racconto che celebra la Merini. La poetessa candidata al Nobel rivive grazie al dono delle sue parole raccolte da Damato nella loro lunga conversazione poetica e sentimentale. Ad impreziosire “Fate l’amore” un album con le opere e fotografie di Giuliano Grittini. Questo libro, dal 10 luglio in esclusiva solo su Amazon per E-stories/Aliberti,celebra la poetessa a dieci anni dalla sua scomparsa: “Alda è la Vasco Rossi della poesia. Il più grande insegnamento di Alda Merini? Quello di cercare la poesia in tutto, nelle cose più semplici e più piccole. La poesia è ovunque. E Poi le sue ultime parole, il giorno dei santi..- vi ho amato tutti-”. Il titolo “Fate l’amore” nasce da un monologo inedito scritto da Damato per Alda (lo spettacolo debutta in anteprima al Festival Il libro Possibile di Polignano a Mare il 10 luglio e vede in scena Damato voce narrante accompagnato dalle canzoni sulla follia ( da Jenny è pazza di Vasco a Canzone per Alda Merini di Vecchioni) eseguite dal vivo di Erica Mou). È la poesia che ci salva. Lasciatevi parlare da Alda, lasciate che il suo rossetto sconfini sulla vostra bocca, non vergognatevi della poesia. Cercate quel verso che manca alla vostra vita. Cercate quel verso sull’albero che avete piantato o in una foglia rossa prima di morire. Cercate quel verso mancante in un libro trovato a poche lire sul banco nostalgia. Cercate quel verso in una notte di veglia per chi è partito senza preavviso, nella lettera scritta a penna ricevuta da una guerra. La poesia come i sogni arriva sempre dal mare con il vento contrario. Cercate quel verso mancante e fate l’amore”. La poetessa dei Navigli nel libro si abbandona ad un racconto di sé puro ed elegiaco, mettendo a nudo la sua anima. Quello con Damato è un dialogo privato che trasuda dolore ma che rivela l’anima più segreta e nascosta della Merini, la sua sapienza antica e il suo candore. La poetica, la filosofia, la genialità della Merini viene raccontata grazie ad un canovaccio che affronta i temi del dono della poesia, del misticismo, della seduzione, della musica, un dialogo che diviene confidenza, afflato dell’anima, laddove si parla del dolore, delle brutture del manicomio, della follia riversata a piene mani nella poesia, del mistero di Cristo e della passione. E poi gli uomini che ha amato come Manganelli, i ricordi della guerra, ed ancora i ritratti di Pasolini e Quasimodo.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie