English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Dal 12 novembre parte la XXV edizione del Time Zones, il festival delle musiche possibili

11 Nov 2010 | Nessun Commento | 1.443 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Time Zones
Anche quest’anno arriva puntuale e molto attesa la rassegna Time Zones, giunta alla sua XXV edizione e che – sotto l’alto Patrocionio della Unione Europea – rappresenta una delle tappe più significative del timing culturale italiano; un appuntamento che in occasione del suo speciale anniversario proporrà accanto alle istituzionali sette giornate di spettacoli un intenso calendario di attività ed in particolare appuntamenti face-to-face in cui gli Artisti potranno scambiare parole idee e opinioni con l’appassionato pubblico e la personale di Lorenzo Mattotti, prestigioso regalo in dono alla città di Bari.

Il quartier generale dell’evento è la Casa delle Musiche Puglia Sounds presso il Teatro Kursaal dove da venerdì 12 novembre  a sabato 27 si alterneranno – in un crescendo di emozioni e colori –  performances di caratura internazionale e quasi tutte in esclusiva nazionale, punto nodale questo e che  ancora una volta accende i riflettori sulla Puglia e sulla Associazione Time Zones.

Apre i lavori “URGE” di e con Bergonzoni che metterà a disposizione del festival la sua quasi trentennale professionalità di attore scrittore  e che traccia con il suo spettacolo una corda ideale tesa a “delimitare gli spazi del monologo da quelli del soliloquio”; a seguire sarà la volta di Adrian Belew, già chitarrista dei King Crimson e dei Bears, che dopo aver suonato con autori del calibro di David Bowie e Tori Amos presenterà l’energia vibrante del suo power trio.

Arriva poi un trittico di “special one” che vedrà – in ordine cronologico – la prima assoluta di un reading musicale (Il Buio, il Fuoco, il Desiderio) reale denuncia dello stato della musica contemporanea affidata al genio musicale di Giovanni Sollima; l’unica data italiana dei Tortoise, band americana “made in Chicago” autorevole espressione di un rock post moderno volutamente contaminato dal jazz elettrico; l’unica data italiana di Renè Aubry che con  i suoi piccoli affreschi sonori  “dipinti con arpeggi e pizzicate di chitarra acustica” regalerà atmosfere magiche con sonorità classiche, etniche, jazz e pop.

Sabato 20 novembre ad esibirsi sul palco “Puglia Sounds” saranno il Chicago Underground Duo –Taylor e Mazurek esporranno un geniale percorso jazz frutto delle mirabolanti esperienze internazionali, figlio della vecchia corrente jazz di Chicago;  Murcof –  il punto di incontro “sublime” tra l’elettronica sperimentale e la musica classica ed elettroacustica, sintetizzato in uno dei progetti musicali più avvincenti degli ultimi anni e che avrà come cornice  le video opere del performer regista Saguatti; i Fabryka – emergente realtà musicale del Sud Italia che con le sue sonorità elettroniche ed acustiche, malinconiche e romantiche ha già conquistato importanto palchi internazionali.

La rassegna spegne i riflettori all’Auditorium Vallisa con Alexis Gideon, musicista produttore, cartoonist, video artista appassionato di fumetti che ha creato in un ambiente pop senza confini di sorta, universi abitati da creature oniriche in luoghi irreali; l’opening act è affidato a Chevruil un duo che ha scoperto “la quarta” dimensione nella sua musica: una tastiera che mescolandosi ai riff della chitarra apre uno sconfinato percorso elettro-magnetico.

Sarà consentita la possibilità di incontrare gli artisti nella Sala Giuseppina del teatro Kursaal prima degli spettacoli per dar vita ad una continua ed interessante contaminazione anche “giù dal palco”, nei giorni degli spettacoli dalle ore 18,00. E questa contaminazione “attraverserà” più volte la rassegna artistica –  prima –  con la presentazione di un numero di “POOL”, testata giornalistica gratuita dedicata alla cultura, magazine ricco di autorevoli “firme” del giornalismo nazionale, occhio critico e smaliziato ma anche serbatoio di idee, – successivamente – con la presentazione attraverso una conferenza spettacolo del volume “Jimi Santo Subito” a firma di Enzo Gentile, in occasione dell’anniversario della nascita di Jimi Hendrix.

Time Zones – davvero – regala anche quest’anno alla città di Bari e alla Puglia una sperimentazione artistica davvero straordinaria passando in rassegna un carnet di esibizioni di altissimo livello e cercando un costante miglioramento, inseguendo quasi con ossessione la contaminazione dei generi.

Ed è quella “ossessione” a portare nella rassegna un doppio, esclusivo, irripetibile appuntamento con Lorenzo Mattotti che incontrerà la città alla Feltrinelli Libri e Musica di Bari  (17 novembre, ore 11) e che presenzierà alla personale vernissage presso la Sala Murat (17 novembre, ore 19).

Siamo all’acme di questa XXV edizione Time Zones; il bresciano Mattotti con le sue 50 opere e i suoi 40 manifesti regalerà scenari ed emozioni difficilmente replicabili. Dopo il suo esordio fumettistico negli anni 70, le innumerevoli opere, l’ascesa internazionale, arriva a disegnare il manifesto del Festival di Cannes nel 2000; oggi le sue opere sono note al mondo.

La Sua personale chiuderà i battenti il 30 novembre a “sigillo” di una edizione che – dunque – regalerà gioia alla mente e allo spirito.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie