English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Dagli Arabi alla Sicilia nel pieno Medioevo Arancini di riso (video)

20 Giu 2020 | Nessun Commento | 266 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

L’arancino o arancino di riso, è una delle specialità più amate della cucina siciliana. E’ tanto buona quanto semplice. E’ una palla di riso impanato e fritto del diametro di 8-10 cm, viene farcita col ragù di carne, prosciutto, mozzarella e zafferano.

L’arancino di riso è stato introdotto in Sicilia durante la dominazione araba, epoca in cui fu introdotta l’usanza, nell’isola, di consumare riso e zafferano.

Arancia in arabo si dice “nanranj”. L’impanatura serviva, nel medioevo, per aumentare la conservazione degli alimenti e ne rendeva più facile il trasporto. Con questo stratagemma l’arancino divenne un cibo molto pratico poiché la lunga conservazione e la facilità di trasporto facevano in modo che l’arancino venisse usato come cibo d’asporto per chi si recava al lavoro e doveva pranzare lontano da casa.

Il dominio islamico sulla Sicilia iniziò a partire dallo sbarco a Capo Granitola presso Mazara del Vallo nell’827 e terminò con la caduta di Noto nel 1091. La cucina araba influenzò tantissimo quella siciliana soprattutto per quanto riguarda i dolci e prima di tutto per l’introduzione della pasta secca molto simile agli odierni maccheroni.

Dopo la scoperta delle Americhe, arrivò in Europa il pomodoro. Gli spagnoli inventarono la salsa di pomodoro e quando la salsa arrivò sulle tavole della Sicilia anche l’arancino modernizzò la sua ricetta. Insieme al ragù venne aggiunta infatti anche dell’ottima salsa di pomodoro.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie