English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Con l’arrivo della Pasqua arrivano i “Caicc” una ricetta tipica della Valcamonica

9 Apr 2009 | Nessun Commento | 4.048 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

ravioli
I “Caicc”, i ravioloni che la tradizione vuole grandi come le ascelle delle donne che li cucinano, sono un piatto gustoso, di quelli che strabiliano e lasciano a bocca aperta per il sapore e la consistenza degni delle tavole di un re anche se nascono nella ruvida tradizione di montagna.

A Breno, nella bresciana Valcamonica, erano un piatto della festa, consumato anche in Periodo Pasquale, accompagnato in passato dalla polenta condita con formaggio di malga e di burro fuso. Si trattava di un piatto unico, cui non si doveva aggiungere nulla se non, quando c’era, un pizzico di sale e magari un buon bicchiere di vino rosso, magari di quelli prodotti a Ossimo o nella bassa Vallecamonica, oggi messi in bottiglia con discreti risultati.
Gli ingredienti per 4 persone sono, secondo la ricetta della chef Maria Grazia Ducoli del ristorante “Gralì”, pubblicata sull’Atlante Bresciano di qualche anno fa: 300 grammidi farina bianca, un pugno di farina grigia di grano saraceno, 4 uova,
sale, pepe, aglio, 300 grammi di erbe cotte e in particolare della parte verde delle bietole, 100 grammi di mortadella, 150 grammi di arrosto di maiale o vitello, 50 grammi di formaggio grattugiato, 50 grammi di noci e 3 amaretti, pangrattato, noce moscata, 20 acini di uva sultanina, che però è facoltativa.
I Caicc, sempre secondo la Chef Maria Grazia Ducoli si cucinano così. Tritate le erbe, la mortadella e l’arrosto, aggiungetevi, tritati, gli amaretti, le noci, il prezzemolo e l’aglio, incorporate l’uovo e riducete tutto molto finemente, asciugate con il pane. Formate la pasta mescolando le farine e usando 2 uova e se occorre, unendo un po’ d’acqua.
Lasciatela asciugare e tiratela in una sfoglia non troppo sottile. Tagliatela in dischi di 14 centimetri di diametro, impastate il mezzo uovo rimasto con un cucchiaino di farina e un goccio di latte, pennellate i8 dischi di pasta e mettete al centro il ripieno. Con l’apposito bastoncino, detto caicc e che da il nome ai ravioli, chiudete la pasta e sigillatela per bene. Cuoceteli in acqua bollente salata e conditeli con burro fuso, salvia e formaggio di malga stagionato. Squisiti!!!!!!!

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie