English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Chalet il Capricorno: da cinquant’anni un punto di riferimento dell’hotellerie piemontese

14 Lug 2016 | Nessun Commento | 971 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

ccUna stagione da ricordare. L’estate 2016, per lo Chalet Hotel il Capricorno, celebra il passato ed apre una nuova fase della lunga storia di questo relais di charme che, a 1800 metri di quota, domina la celebre pista di Les Clotes di Sauze d’Oulx (To). La storica struttura quattro stelle celebra infatti i 50 anni di attività. Un lungo ed appassionante capitolo di storia dell’hotellerie piemontese che ha dato lustro all’industria dell’accoglienza dell’intero arco alpino. Nel segno di una dedizione all’ospitalità di qualità, rispettosa dell’ambiente e della tradizione montana che nel corso di questi anni è stato riconosciuto e premiato da prestigiose recensioni.

L’anniversario vero e proprio ricorre in novembre, alla vigilia della prossima stagione invernale, ma la bella stagione invita a qualche anticipazione e a fare della terrazza dello Chalet una naturale ribalta di appuntamenti musicali, culturali e gourmand, secondo la filosofia dell’Accademia dell’Alta Cucina di Montagna di cui lo Chalet il Capricorno è portavoce. Inaugurato nel 1966, e già dal 1973 menzionato nella prestigiosa Guida Rossa Michelin dove da allora è una presenza costante, per festeggiare l’importante avvenimento lo Chalet il Capricorno già dal 2015 ha avviato una serie di operazioni di rinnovo. Primo passo di un previsto progetto di ampliamento che già durante la passata stagionecc2 invernale, ha consentito alla struttura di fregiarsi virtualmente di una mezza stella in più, almeno nei favori della clientela. In linea con la filosofia e gli intenti della proprietà e dell’HACM – Accademia dell’Alta Cucina di Montagna lo Chalet è stato ristrutturato preservando i canoni stilistici e le caratteristiche delle architetture montane del periodo in cui fu progettata. Una operazione di restyling che non ha puntato al lusso fine a se stesso, bensì alla ricerca dei dettagli, dei materiali più consoni, di uno stile d’antan rapportato alle esigenze dell’ospite del XXI secolo.

Gli ospiti che questa estate soggiorneranno allo Chalet o che vi faranno sosta anche solo per pranzare al Ristorante Naskira o godersi una prima colazione all’aperto prima di una escursione, troveranno la terrazza ancora più accogliente. Parte dell’’ampio spazio che abbraccia la struttura, è infatti ora un piccolo salotto spalancato sulle Alpi, utilizzabile anche in inverno. Una balconata panoramica che al tramonto offre la scenografica visione dello skyline delle cime circostanti: motivo in più per un brindisi in compagnia o, su prenotazione, per organizzare eventi privati in una dimensione unica. Un salotto “open air” che accoglie comodi divani, confortevoli poltrone e un cannocchiale, che consentirà di cc3mettere a fuoco – direttamente dal Capricorno – i punti d’interesse storico e geografico che caratterizzano le cime circostanti. Da osservare da lontano o da trasformare in mete per svariate escursioni. E proprio il nuovo cannocchiale è già eletto a simbolo della nuova vita dello Chalet, che nonostante i suoi 50 anni “Il Capricorno guarda lontano”.

Internamente, senza intaccare l’atmosfera montana ed intima degli ambienti, sono stati ottimizzati gli spazi e studiati nuovi arredi. Scelta che ha consentito la trasformazione interna di alcune camere: al primo piano le camere Pesci e Gemelli, preservano la propria indipendenza ma grazie ad una porta scorrevole possono, su richiesta, trasformarsi in una suite per famiglie. Suite romantica e/o per famiglie al secondo piano, dove la stanza Scorpione, dello Chalet, è ora dotata di un accogliente soppalco. Anche il décor delle singole stanze – ognuna dedicata ad un segno astrologico – è stato migliorato, con lampade ed oggetti d’autore ispirati ai rispettivi segni zodiacali. Tutte le camere presentano oggi bagni interamente ripensati, rifatti con largo impiego di materiali naturali, così da riprendere – con eleganza – lo stile montano del passato e rendere ancora più rilassante l’accoglienza degli ospiti. Le parti comuni risultano ora impreziosite da tendaggi e tessuti artigianali che, come le piccole lanterne poste sui tavoli, richiamano ai colori tradizionali dello Chalet.

Sono in corso, infine, collaborazioni nascenti con una serie di aziende, operanti nel settorecc4 ricettivo e non, che nel corso dell’estate saranno partner di una serie di appuntamenti e incontri, che avranno come temi la musica jazz – affidata alla esperienza di Luca Rigazio e il Lil Darling Quintet – alla riscoperta di sapori di un tempo, tanti semplici quanto ormai rari. Alla prima festa in programma per il prossimo 16 luglio, protagonista sarà il “Capric’Orto”, il personalissimo “vivaio” di sapori a cui lo chef Fabrizio Barbero attinge quotidianamente ortaggi ed erbe aromatiche a “centimetro 0”. Un altro evento, che si terrà con l’approssimarsi del periodo autunnale, sarà dedicato all’arte che in ogni angolo impreziosisce lo Chalet con oggetti e dettagli d’autore.

 

Prenotazioni ed Informazioni sulla struttura:

Chalet Hotel Il Capricorno****

Via Case Sparse, 21 – 10050 Sauze d’Oulx (To)

Tel: 0039 0122-850273

www.chaletilcapricorno.it, e-mail: info@chaletilcapricorno.it

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie