English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Carlos Santana ed il suo “Guitar Heaven” infuocano il Delle Vittorie a Bari

22 Lug 2011 | Nessun Commento | 1.711 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Guitar heavenSquadra che vince non si cambia. Carlos Santana è arrivato all’arena Delle Vittorie di Bari per festeggiare il suo compleanno (lo scorso 21 luglio) e la sua Honey Moon ovvero la sua Luna di Miele regalando a più di sette mila fans scatenati la sua musica ricca di patos. Il suo ultimo tour Guitar Heaven che è anche il suo ultimo disco aveva visto solo l’Umbria Jazz in Italia e con questo tour ripropone – almeno parzialmente – la formula che l´ha reso nuovamente una star, quella dei duetti con cantanti affermati. Il tutto sempre grazie a quella vecchia volpe della discografia, Clive Davis, il suo mentore da sempre; questa volta Davis l´ha convinto ad una variazione sul tema: non più pezzi inediti, ma classici rivisitati.

Guitar Heaven, un viaggio nei più noti ed amati standard del rock, da Smoke on the Water dei Deep Purple a Little Wing di Jimi Hendrix, da Can’t You Hear Me Knockin’ dei Rolling Stone a While My Guitar Gently Weeps dei Beatles, nei quali la sua chitarra si fa umana, piange e urla, graffia e seduce sostenuta da una band affiatatissima.

Ma Santana ha anche aggiunto dei classici: da Oye como va, a Maria Maria e persino A love supreme di Hendrix. E dopo il caldo infernale della mattinata pugliese, anche la notte di Bari si è fatta incandescente.

Già, ma il risultato com´è? Incantevole, e la musica suonata negli stadi ha un certo non so che di magico. Le ottime scelte: per dire, “Whole lotta love” la canta Chris Cornell, uno dei pochi in grado di reggere quella parte che fu di Robert Plant. E come trasformare “Back in black” in un rap con Nas. Nulla si può dire sulla parte musicale, (sullo sfondo sullo schermo gigante scorrevano i momenti salienti della carriera di Santana dei primi anni ’60 fino ai giorni nostri) e le canzoni che funzionano meglio sono quelle un po´ più liquide e meno granitiche. Quelle con meno riff e con più spazio al suo suono di chitarra. Tipo “Sunshine of your love”, per intenderci: intesa perfetta con Rob Thomas – anche grazie alla sua voce in “Smooth” cominciò la rinascita di Santana a fine anni ´90. O ancora “Riders on the storm” dei Doors, in cui compare l´inconfondibile organetto di Ray Manzarek. O, ancora meglio, in “Little wing”, affidata all´esperienza di Joe Cocker.
Insomma, questo concerto è la degna prosecuzione di un modello fortunato, quello iniziato con “Supernatural”, rivisitato e applicato a grandi canzoni, interpretate con rispetto e originalità.

Una grande festa musicale, resa ancora più avvincente da una scenografia imponente e da una band dinamica e aggressiva con fiati e voci, ma soprattutto con la scatenata sezione ritmica formata da Dennis Chambers, Karl Perazzo, Raul Rekow oltre che dall’anziano Armando Peraza.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie