English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Brad Mehldau e Chris Thile in un gran bel concerto del Time Zones. Una gara all’ultima nota

7 Nov 2014 | Nessun Commento | 960 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

thileUno va al concerto di Brad Mehldau, uno dei più acclamati pianisti al mondo, la cui fama non ha certo bisogno della nostra povera presentazione, e si ritrova davanti alla esplosiva Arte di Chris Thile, uno dei più grandi virtuosi del mandolino di ultima generazione, conosciuto soprattutto come cantante e musicista della band di musica acustica Nickel Creek, anche se attualmente è leader dei Punch Brother; e – ed è qui la nota strabiliante –  non se ne torna a casa affatto scontento od insoddisfatto. Anzi! Cose che accadono solo – o quasi – al Time Zones, il Festival delle musiche possibili che ha aperto la sua ventinovesima stagione con un concerto strabiliante, sorprendente, esaltante. Duo all’apparenza inconciliabile, Mehldau e Thile – o sarebbe più corretto dire Thile e Mehldau – si sono praticamente sfidati sul campo neutro della sala – perfetta per acustica – dello Showville di Bari senza che, alla fine della tenzione vi fosse un vero vincitore se non il nostro appagatissimo piacere di amanti della ottima musica. Impegnati a rivisitare in modo più che atipico un repertorio a dir poco eclettico, i due creavano un interplay eccezionale, prendendosi gioco delle etichette e dei generi, ma anche di loro stessi e della immagine che il pubblico ha di loro; soprattutto Brad accettava di buon grado di tralasciare le discese ardite e le risalite che ne hanno fatto la fortuna per dedicarsi appieno al progetto comunitario; e nei rari momenti in cui pareva voler riprendere gli antichi ardori, abbandonandosi alla improvvisazione più sfrenata come solo lui riesce a fare, appariva il folletto Chris che con le note del suo mandolino sembrava andarselo a riprendere per riportarlo nei fantastici ranghi della loro collaborazione.

thile1Ma non crediate che questo abbia tarpato le ali al concerto o lo abbia reso povere di idee; al contrario Mehldau & Thile, immersi nel loro “singolare esperimento nell’alveo di una contemporaneità che trova stimolo nell’abbattimento di tutte le barriere di genere e stile”, riuscivano a materializzare davanti ai nostri occhi sentieri mai battuti, risultati così freschi e piacevoli da catturare anche l’orecchio più mal disposto. Alla fine non importava più se i due fossero impegnati nell’esecuzione di brani originali o di un antica ballata irlandese o di composizioni firmate Bob Dylan, Radiohead, Elliott Smith, Randy Newman, Fiona Apple, Charlie Parker, Joni Mitchell o quant’altri: il gioco era perfetto, divertente, ipnotico, persino eccitante, al punto da farci desiderare che non avesse fine.

Foto di Quatermass

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie