English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
“Brachetti che sorpresa!”: parte da Genova l’atteso spettacolo del grande trasformista

23 Feb 2015 | Nessun Commento | 987 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

arturoAlla ricerca della valigia rossa perduta e del quarto livello da raggiungere come in un videogame. Alle spalle, gli altri 3 già centrati: infanzia, adolescenza ed età adulta. Manca la maturità. E per un’ora e mezza Arturo Brachetti cercherà di conquistarla, alternando una trentina di personaggi da vestire a tempo record di 2-3 secondi l’uno. Tanti quelli in scena per “Brachetti che sorpresa!“, lo spettacolo che, partendo da Genova il 24 febbraio, arriverà a casa, a Torino, il 3 maggio. Ma a quasi 58 anni il mago del trasformismo si guarda dentro e ammette: “Io non mi sento maturo, forse questo spettacolo mi aiuterà a diventarlo”. Missione possibile invece sul palco, nonostante gli ostacoli rappresentati ad esempio da cumuli di bauli e valigie, che riempiono gran parte della scenografia e su cui vengono proiettate immagini secondo la tecnica del videomapping (mai sperimentata prima in un varietà italiano). “Questo show è una metafora della vita – racconta – che è fatta di step e livelli come in un grande videogioco, io qui sono arrivato al terzo, il prossimo è quello della maturità”. Nella sua gimcana per salire di livello Brachetti non è solo: con lui quattro compagni di avventura (gli artisti Kevin Michael Moore, Luca Bono, Francesco Scimemi e la coppia Luca &Tino) che si contenderanno la valigia rossa. E nel frattempo decine di cambi d’abito – dal cappello alle scarpe – come quelli, frenetici, ambientati in un immaginario saloon del Far West e trasformati in pretesti per raccontare mille storie e mille mondi. Moderno cantastorie più scenico e più rapido, l’erede di Fregoli si considera un artista proprio come c’è scritto sulla sua carta d’identità. “Sì, mi sento uomo di palcoscenico in tutti i sensi, quasi un artigiano”, e argomenta: “In fondo disegno i costumi, faccio esperimenti di pittura, scrivo i testi, penso alle musiche, faccio bozzetti per la scenografia. Scelgo tutto, proprio tutto e sono molto esigente. Ormai è un pò una droga”. È così che si è conquistato una fama che è diventata un marchio: il trasformismo in Italia e nel mondo ha per tutti il suo nome e cognome, e quel ciuffo tenuto dritto sulla testa come una torre Eiffel. Proprio in terra francese cominciò la sua gavetta a 20 anni, una specie di cervello in fuga ante litteram. “Purtroppo era così allora ed è ancora così osserva. All’estero conosco molti giovani italiani di talento che scappano perchè qui sfondano gli imbecilli, i parenti, gli amici degli amici. Purtroppo l’Italia è un paese lento e vecchio. Anche i semafori sono lenti, si sta in coda per attraversare la strada, per avere un documento, perfino Internet è il più lento d’Europa”. Per sfuggire all’amarezza, a volte un piccolo volo può servire: “Non ho un personaggio preferito, ma quando volo in scena fino a quattro metri d’altezza, mi diverto e sento un gran piacere fisico”. In volo verso il quinto livello? “No, quello spero che arrivi tra 20 anni, ora è presto”.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie