English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
ASJA racconta il singolo “Bonne Nuit”: una “storia di un bacio e di un assassino”

18 Giu 2020 | Nessun Commento | 511 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

ASJA, al secolo Asia Leccese, è una cantante barese classe ’98.  Studia comunicazione, media e  pubblicità all’università IULM di Milano.

Da sempre appassionata di blues, funky e R’n’B, inizia a studiare canto con Tiziana Portoghese, che definisce “un punto di riferimento”.

Il 16/05/2020 pubblica il singolo “Bonne Nuit”, un brano molto particolare: synth ambientali (che conferiscono al tutto un’atmosfera quasi gotica), kicks trap e un leggerissimo utilizzo di autotune accompagnano la voce di ASJA.

Ciò che cattura maggiormente l’attenzione di questo brano è il testo: la ninna nanna cantata da una donna vittima di femminicidio al suo compagno assassino. “Dal corpo di una Venere che ormai è solo cenere, bonne nuit”, “senti il mio canto richiamarti, logorarti e disprezzarti”, “un attimo d’amore poi vinceva il terrore”. Con queste espressioni forti, ASJA descrive lo stato di trance in cui si trova l’uomo: la donna entra nella sua mente e gli canta un’amara ninna nanna.

Oltre al testo, che definirei mozzafiato, di sicuro il punto di forza di “Bonne Nuit” è l’orecchiabilità: il ritornello del brano entra in testa appena lo si ascolta, pur senza diventare banale.

  1. Lo pseudonimo che hai scelto è molto simile al tuo nome: perché utilizzare un nome d’arte così vicino al nome di battesimo e non usare il tuo stesso nome?

“È stata una scelta grafica: io e il mio producer abbiamo immaginato il nome “ASJA” e ci piaceva. Su Spotify purtroppo il carattere maiuscolo non si può usare, quindi su quella piattaforma sono “Asja”. Nonostante ciò il mio pseudonimo resta in maiuscolo. Non ne ho scelto un altro perché, in realtà, non avevo intenzione di utilizzare un nome d’arte.”

  • Ci sono degli artisti che influenzano la tua musica?

“In passato sì: Nina Simone e il conseguenziale approccio al blues mi hanno sempre accompagnata. Ascolto tantissima musica, di conseguenza ciò che compongo è il risultato di tutte le esperienze che ho fatto. I generi che apprezzo particolarmente sono il soul funky e l’R’n’B. Nel mio singolo “Bonne Nuit” si nota la loro influenza nel testo, mentre le strofe risentono dal rap italiano, che ho sempre ascoltato: mi piacciono molto Nitro, Salmo, Fabri Fibra e Marracash.”

  • Com’è iniziato il tuo percorso musicale?

“Nella mia famiglia ci sono molti musicisti. Capita che in riunioni familiari ci siano delle esibizioni spontanee alle quali spesso  partecipo. Ho deciso di studiare canto con Tiziana Portoghese, che mi ha aperto un mondo: non è per me solo una maestra di canto, ma anche un punto di riferimento.”

  • Parlaci del tuo rapporto con la musica.

“La musica per me è un mezzo tramite il quale tutti esprimono se stessi. Per me la musica è fondamentale e amo le possibilità di condivisione che genera: per molto tempo ho frequentato delle sale prove dove si suonava dalle tre del pomeriggio fino a mezzanotte”.

  • Hai confidenza con il palco?

“La confidenza con il palco, secondo me, è qualcosa che, per certi aspetti, è innata, ma si acquisisce con l’esperienza. Ho sempre avuto la voglia di esibirmi e di mostrare quello che sapevo fare e quello che  volevo trasmettere. Ciò che sei sul palco, proprio come il carattere, si costruisce con il tempo. Il palco è qualcosa che non smette mai di insegnare”.

  • Fai musica per hobby o la ritieni un lavoro?

“Ho scelto di non fare distinzioni tra hobby e lavoro. Fin da piccola ho avuto sempre paura di definire il ruolo che la musica avrà nella mia vita. Ho deciso dunque di non farmi questa domanda: per me la musica è tutto. ‘Voglio vivere delle mie passioni’ si può dire?”

  • Il beat del brano “Bonne Nuit” presenta caratteristiche peculiari della trap, mentre la melodia e il testo suggeriscono tutt’altro genere. Come classificheresti questo brano?

“Non mi piace classificare. Tuttavia, se dovessi classificare Bonne Nuit (devo sicuramente farlo, dato che il panorama discografico lo richiede), di sicuro lo definirei un brano pop-trap, anche se non nasce come tale. Il contrasto tra il beat trap e il testo funzionava. Inoltre i synth ambientali che abbiamo utilizzato creano un’atmosfera quasi gotica”.

ASJA
  • Hai in mente di spaziare in altri generi o pensi di rimanere legata a questo?

“Faccio quello che sento. Sono consapevole che quando si inizia un percorso bisogna mantenere una coerenza, e penso che la manterrò. Seguo una linea: quello che abbiamo fatto con Bonne Nuit mi piace e mi ci ritrovo. Di sicuro continuerò a lavorare così e a creare questi connubi fra generi diversi, che rientrano nella classificazione pop-trap”.

  • Di cosa parla “Bonne Nuit”?

“Bonne Nuit parla di femminicidio. Ho immaginato ciò che avviene dopo l’omicidio. La scena descritta è la seguente: l’uomo è seduto su una sedia all’interno di una baita di legno che sta bruciando. Di fronte a lui c’è un boia, che in realtà è il suo riflesso. Si trova in uno stato di trance, durante il quale sente la donna, sente un’amara ninna nanna che esprime il fatto che spesso le donne non riescano a denunciare il proprio compagno violento. La donna sembra quasi dispiaciuta, ma molto vendicativa. ‘Bonne Nuit’ è un augurio che non può più essere fatto, è l’entrata della figura femminile nell’uomo.

Il tema del femminicidio non spicca subito all’occhio: volevo questo effetto. Qualsiasi cosa che si pubblica viene rielaborata dai sentimenti dell’ascoltatore”.

  1. A cosa è dovuto il riferimento a Margot Tennenbaum, personaggio del film “I Tennenbaum”?

“L’ho voluta inserire perché è una figura femminile che mi ha sempre colpito molto. Di sicuro nell’immaginario che mi ha portato la scenografia lei è una figura femminile preponderante. È una donna dalle varie sfaccettature”.

Grazie ASJA, a presto!

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie