English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Alla scoperta di Taranto. Città che unisce storia musica cultura e sapori

2 Set 2020 | Nessun Commento | 342 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Il 27 e 28 agosto l’amministrazione Melucci e il Taranto Opera Festival incontrano agenti di viaggi e  tour operator per promuovere Taranto

Il turismo a Taranto è in netta crescita, tanto da diventare appetibile per numerosi tour operator. Proprio con una loro ampia rappresentanza, il vicesindaco e assessore alla Cultura Fabiano Marti e l’assessore allo Sviluppo Economico, Marketing Territoriale e Turismo Fabrizio Manzulli, insieme al presidente del Taranto Opera Festival Pierpaolo De Padova e a Tommaso Valenzano di Go4sea e Oronzo Scelzi della Eurocomex viaggi hanno tenuto un incontro a Palazzo di Città, finalizzato a intercettare un modello di collaborazione che promuova la meta Taranto.

Gli sforzi che l’amministrazione guidata da Rinaldo Melucci sta compiendo per sovvertire la narrazione negativa che la città ha subito negli ultimi decenni, quindi, stanno dando frutti importanti e soprattutto stanno trovando l’appoggio di operatori culturali italiani come il Taranto Opera Festival, che ha fatto numeri importanti con i suoi pacchetti che coniugavano cultura e turismo.E proprio da questa esperienza è partito il confronto con le altre realtà interessate a Taranto e alle sue potenzialità.

«Abbiamo dimostrato come non sia impossibile raccontare questa città in maniera diversa – le parole del vicesindaco Marti –, grazie al nostro impegno e a quello di chi sta lavorando alla trasformazione di questa città. Noi seguiamo un canovaccio, il piano “Ecosistema Taranto”, che ci mostra cosa vogliamo che diventi la città: un luogo accogliente, capace di esprimere alternative di sviluppo che ci hanno negato per anni, dove i turisti non trovino posto. Chi arriva qui finisce per innamorarsene, e va via con gli occhi colmi d’amore per questa meravigliosa città. Dobbiamo continuare a lavorare su queste emozioni, utilizzando anche l’esperienza del Taranto Opera Festival, i cui organizzatori non smetterò mai di ringraziare, mutuabile per tutte le altre iniziative che abbiamo avviato e avvieremo. Taranto è ormai la città dei festival».

Dopo la presentazione e i saluti al palazzo di città è cominciata la visita con un crescendo di affascinanti scoperte e belle sorprese:  guidati dalle preparatissime Silvia e Lavinia abbiamo attraversato il ponte girevole godendo di una stupenda vista sul castello e sui due mari.

Il Castello Aragonese è gestito dalla Marina Militare che provvede anche al restauro e alla conservazione del sito mettendo a disposizione della comunità diverse sale interessanti e l’antica cappella di S. Leonardo. Proseguendo per la città vecchia abbiamo percorso stretta tra palazzi della nobiltà tarantina non tutti restaurati via Duomo sino a giungere alla Cattedrale di San Cataldo rimaneggiata nei secoli e quindi con diversi stili architettonici, passando dalla cripta bizantina del X secolo fino allo spettacolare Cappellone barocco di San Cataldo. Non bisogna perdere le visite al bellissimo palazzo arcivescovile, alla chiesa di San Domenico e all’ex convento con il suo  chiostro. Un’altra chicca molto interessante è rappresentata da decine di ipogei che si trovano sotto i palazzi storici ma anche in case private e in alcuni alberghi. Degno di nota l’ipogeo De Beaumont-Bonelli.  Completano e rendono unico questo quadro la gente, i profumi, i colori e il calore dei Tarantini.

Indubbiamente la perla della città è il Museo Archeologico Nazionale “ MArTA “ uno dei musei più ricchi del sud, famosissimo nel mondo per i suoi celebri “Ori” , diademi ,monili, scettri di alta oreficeria trovati in gran parte nelle tombe di Canosa ma di certa produzione tarantina. Il museo è stato ristrutturato in ben 7 anni riaprendo, in tutto il suo splendore, il 20 dicembre 2007 e al suo interno sono custoditi tesori inestimabili che vanno da raffinati scrigni a teche argentee, da corredi di vasi attici, corinzi, italioti agli splendidi mosaici delle case ellenistiche dell’antica città Jonica e numerose sculture in marmo, collezioni di statue, collezioni di ceramiche e corredi funerari.

In serata stanchi ma felici, abbiamo percorso ben 12 chilometri, siamo ritornati nella splendida cornice del Castello Aragonese per assistere al concerto organizzato da “ Taranto Opera Festival “

Eseguito dal trio  “ Domenico Savino “ con il mezzosoprano Francesca Ruospo e il tenore Nico Franchini. La serata si e’ conclusa con un percorso enogastronomico con 14 postazioni food and drink  con la somministrazione di latticini e prodotti caseari, insaccati provenienti dalla Valle D’Itria, vini delle migliori cantine del territorio e preparazione dal vivo di prodotti tipici della tradizione pugliese come pasta fatta a mano e panzerotti fritti.

La seconda giornata è dedicata tutta alla scoperta del golfo popolato da colonie di delfini e del territorio interno contraddistinto dalla presenza di antiche masserie.

Di buon ora dopo una breve passeggiata raggiungiamo il molo Sant’ Eligio dove troviamo ad attenderci Carmelo Fanizza fondatore dell’associazione di ricerca scientifica Jonian Dolphin Conservation finalizzata allo studio dei cetacei del Golfo di Taranto nel mar Ionio settentrionale. Ci imbarchiamo su uno splendido catamarano di 40 ft e 50 m2 di superficie calpestabile che può trasportare comodamente 35 passeggeri ad una velocita’ massima di 19 nodi. Comincia un’avventura unica e spettacolare alla ricerca ed avvistamento di intere famiglie di delfini che si avvicinano al catamarano e sembrano giocare e dialogare con noi. Non ci sono parole per descrivere l’emozione del momento anche perché veniamo coinvolti nell’attività di ricerca con ecoscandaglio, sonde multiparametriche, sistemi di ripresa video fotografica e idrofoni per studi di bioacustica. Al rientro dopo 6 ore di indimenticabili momenti comprendiamo perchè la J.D.C.  è stata scelta come una delle 20 eccellenze nazionali per rappresentare la Regione Puglia ad Expo 2015.

Le sorprese che ci riserva Taranto non sono finite… infatti nel pomeriggio ci attende una visita guidata che si snoda attraverso il territorio delle cento masserie di Crispiano. Un viaggio affascinante attraverso l’evoluzione della civiltà contadina, un percorso fatto di storia e tradizioni in cui il turista verrà guidato alla scoperta delle masserie dove potrà conoscere le varie forme di espressione artistica del mondo rurale fino ad arrivare alle forme più moderne di agricoltura e zootecnia. Per valorizzare questo enorme patrimonio nel comune di Crispiano è stata creata la cooperativa Korat che sotto la guida dell’appassionato ed instancabile presidente Alfredo De Lucriziis  ha dato vita al progetto turistico “100masserieintour” coordinato dalla signora Anna De Marco. L’obbiettivo primario di questo progetto è quello di promuovere eventi culturali, turistici, enogastronomici e visite guidate organizzando degustazioni e laboratori di farine, olio, miele, latte ed erbe spontanee con la presenza di esperti del settore.

Il nostro tour ha toccato quattro strutture: la prima Masseria Amastuola è una costruzione a corte chiusa le cui origini risalgono al 1400. In seguito alla recente ristrutturazione è diventata un elegante wine resort e al suo interno si trova un’accogliente sala degustazione, una bottaia e un rinomato ristorante. Dispone di 18 camere e dalle sue terrazze si gode una vista mozzafiato sul mar Ionio e sul vigneto-giardino disegnato dal paesaggista spagnolo Fernando Caruncho.

La seconda è la Masseria Qui ut Deus fondata nel 1710 il cui restauro è merito del proprietario Antonio ha dato risalto a tutti gli elementi architettonici. Sono qui presenti una Spa ed arredi in legno fossile.

 Proseguendo per le strade di campagna, inebriati dal profumo dei cerri, delle querce, dei lecci, dei corbezzoli, dell’erica e della ginestra, arriviamo alla masseria Pilano del 1600 di proprietà dei fratelli Palmisano. Questa masseria è molto conosciuta anche per i suoi allevamenti di bovini Podolici pugliesi, dei cavalli Murgesi ed i cani pastori Abruzzesi e inoltre per la produzione di olio extra vergine biologico e di grano duro. La struttura è stato il primo agriturismo nel Sud Italia ad avere i “ 5 girasoli “  offrendo la possibilità ai suoi ospiti di soggiornare nelle antiche strutture ricavate dal restauro delle tipiche stalle e dei trulli del 1600 affacciati sulla suggestiva corte interna e sul vasto jazzo delle antiche stalle.

Ultima tappa del nostro magnifico tour è la masseria Mita di proprietà di Vincenzo e Maria Imperatrice e appartenuta nei primi del 1600 al Monastero della Purità di Martina Franca questa struttura è ubicata ai piedi della Murgia Tarantina in un contesto paesaggistico di grande bellezza grazie alla presenza e al profumo della macchia mediterranea. La masseria è a corte chiusa ed include anche uno jazzo ed un’aia settecenteschi, inglobati nel corpo di fabbrica, una garitta di difesa ed una cappellina dedicata all’Immacolata.

La produzione di questa masseria biologica si sviluppa con la coltivazione di 1200 alberi di olivo secolari, 10 ettari di vigneti, alcuni alberi da frutta e un simpatico orto famigliare. Ultima tappa e ultima favolosa sorpresa: una splendida cena di arrivederci organizzata dal signor Vincenzo con lo staff di 100masserieintour nella meravigliosa cornice del vigneto ci sono stati offerti prodotti a centimetro O, che hanno reso ancor più indimenticabile questo autentico week end in terra di Taranto.

Ritengo che per fine settembre certamente proporremo questa visita ricca di esperienze ed emozioni ad amici e clienti.

Testo e foto di Oronzo Scelzi (riproduzione riservata)

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie