English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
A colloquio con Philippe Solal, in dj set stasera ai Mercati Generali di Catania

1 Giu 2013 | Nessun Commento | 1.265 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Philippe Solal«La mia vuol essere una performance musicale sensuale e felice, ricca di pezzi provenienti da paesi dell’America Latina: Argentina, Colombia, Brasile, Messico. L’idea è quella sorprendere sempre con qualcosa d’inaspettato». Così il francese Philippe Cohen Solal introduce il suo prossimo “dj set”, in programma stasera ai Mercati Generali di Catania.
Tra i fondatori della band di culto “Gotan Project”, Solal è uno degli artefici del cosiddetto “elettro-tango”, una realtà che, mescolando tradizione e modernità, ha fatto sì che cambiasse la percezione del genere: da musica vecchia e per vecchi a nuova moda giovanile. «Credo che “La Revancha del Tango” (primo album del gruppo, risalente al 2001 nrd) sia stato una sorta di catalizzatore per la musica dei giovani argentini. Li ha, in qualche modo, spinti a osare, mescolando il loro folklore con l’elettronica». Il risultato, a distanza di qualche anno, è stata la nascita della Nueva Cumbia, rilettura digitale di una musica nata in Colombia tra gli schiavi indiani del 17° secolo e oggi diffusa in tutto il sud America. «Sono stato molto impressionato da questo mondo. El Hijo de la Cumbia e gli artisti della ZZK Records (una etichetta digitale di Buenos Aires) stanno facendo un lavoro molto genuino in questa direzione».
Oltre alla carriera da dj, Solal ha un importante trascorso nel mondo dell’editoria musicale; dapprima come manager alla Polydor e poi come supervisore musicale alla Virgin. Insieme allo svizzero Cristoph H. Muller (anch’egli nei Gotan Project) ha messo su l’etichetta Ya Basta che ha prodotto molti progetti unificanti culture diverse. Suo ultimo lavoro come discografico, lo scorso novembre, la produzione dell’album racconto “Talè” di Salif Keita.
«Credo – continua – che si debba approcciare alla musica con mente aperta. Quando abbiamo avviato il “Gotan Project” lo abbiamo fatto provando a spingerci oltre i confini. Quello che si può fare con questi mezzi è quasi infinito, diciamo che alla fine è solo una questione di creatività e gusto».
Il set di Catania sarà per lui un ritorno nell’isola, che lo ha già visto protagonista, oltre ai live con la band, di alcune serate danzanti. «Ho un fantastico ricordo del pubblico siciliano. Il mio ultimo set ai Mercati Generali è stato una favola, pura gioia. Mi sentivo iper-connesso con la folla sulla pista. Sono certo che sabato si creerà lo stesso tipo di atmosfera: una festa piena d’amore e musica. Buone vibrazioni».

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie