Tempo di lettura: 1 minuto

(Adnkronos) –
Lewis Hamilton vince il Gp di Gran Bretagna, trionfando a Silverstone oggi nel 12esimo appuntamento del Mondiale 2024 di Formula 1. Il 39enne pilota inglese, che oggi 7 luglio 2024 torna alla vittoria dopo un digiuno di 2 anni e mezzo (dal Gp d'Arabia Saudita del 5 dicembre 2021), in una giornata condizionata dalla pioggia centra il successo numero 104 in carriera precedendo la Red Bull dell'olandese Max Verstappen e la McLaren del connazionale Lando Norris. Hamilton, al nono trionfo nella sua gara di casa, chiude il Gp in lacrime, sventolando la bandiera britannica nel suo giro d'onore, tra gli applausi degli avversari in pista. "Sto ancora piangendo", dice Hamilton sul podio durante l'intervista di rito per la cerimonia di premiazione. "Dal 2021 non vincevo, ogni giorno ho lottato e mi sono allenato lavorando al massimo. Questo è il mio ultimo Gp qui con questa squadra, volevo vincere per tutti i membri del team e per i tifosi incredibili: li ho visti, giro dopo giro, tifare per me: non c'è sensazione migliore", dice.    L'exploit dell'inglese, che l'anno prossimo guiderà la Ferrari, è l'unica parziale gioia per i tifosi del Cavallino.   La scuderia di Maranello non va oltre il quinto posto con lo spagnolo Carlos Sainz, che chiude alle spalle della McLaren di Oscar Piastri. Il monegasco Charles Leclerc, con l'altra rossa, naufraga in 14esima posizione. A completare la top ten sono Nico Hulkenberg, Lance Stroll, Fernando Alonso, Alex Albon e Yuki Tsunoda.   
Mondiale piloti:
 1. Verstappen 255 punti 2. Norris 171 punt 3. Leclerc 150 4. Sainz 146 5. Piastri 124 
Mondiale costruttori: 1. Red Bull 373 punti 2. Ferrari 302 3. McLaren 295 4. Mercedes 221 5. Aston Martin 68.    —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Redazione

Lsd sta per Last smart day, ovvero ultimo giorno intelligente, ultima speranza di una fuga da una cultura ormai completamente omologata, massificata, banalizzata. Il riferimento all'acido lisergico del nostro padre spirituale, Albert Hofmann, non è casuale, anzi tutto parte di lì perché LSDmagazine si propone come cura culturale per menti deviate dalla televisione e dalla pubblicità. Nel concreto il quotidiano diretto da Michele Traversa si offre anzitutto come enorme contenitore dell'espressività di chiunque voglia far sentire la propria opinione o menzionare fatti e notizie al di fuori dei canonici mezzi di comunicazione. Lsd pone la sua attenzione su ciò che solletica l'interesse dei suoi scrittori, indipendente dal fatto che quanto scritto sia popolare o meno, perciò riflette un sentire libero e sincero, assolutamente non vincolato e mosso dalla sola curiosità (o passione) dei suoi collaboratori. In conseguenza di ciò, hanno spazio molteplici interviste condotte a personaggi di sicuro spessore ma che non trovano spazio nei salotti televisivi, recensioni di gruppi musicali, dischi e libri non riconosciuti come best sellers, cronache e resoconti di sport minori, fatti ed iniziative locali che solitamente non hanno il risalto che meritano. Ma Lsd è anche fuga dal quotidiano, i vari resoconti dai luoghi più suggestivi del pianeta rendono il nostro magazine punto di riferimento per odeporici lettori.