Tempo di lettura: 2 minuti

La testa di serie numero uno, l’ungherese Marton Fucsovics vola ai quarti di finale del challenger Atp di Andria. Ieri, nel lungo e combattuto incontro serale sul campo centrale del palasport, Fucsovics ha superato in tre set (7/6, 6/7, 6/3) l’inglese Ryan Peniston. All’Open Castel del Monte, invece, il francese Hugo Gaston è la prima eliminazione illustre. L’ex numero 58 al mondo è stato sconfitto in due set (7/6, 7/6) dall’astro nascente del tennis svizzero, il 20enne Leandro Riedi, fresco di vittoria del challenger di Helsinki. Partita combattuta punto su punto, tra il numero due del tabellone e il giovane svizzero, con quest’ultimo che ha avuto la freddezza di chiudere brillantemente i due tie break a proprio favore. “Sto attraversando un buon momento e sto bene fisicamente – ha detto Leandro Riedi -. Spero di chiudere in bellezza anche qui ad Andria, perché mi sono posto come obiettivo per il prossimo anno di rientrare nella top 100”.

Un solo italiano approda, invece, al secondo turno, a dimostrazione del livello tecnico molto elevato del torneo internazionale. Non è andata bene per Federico e Andrea Arnaboldi, Mattia Bellucci, Gianmarco Ferrari e Flavio Cobolli. Approda al secondo turno Stefano Travaglia che ha superato lo svedese Elias Ymer (testa di serie n.6) in due set per 7/5, 7/6. Attenzioni puntate anche su un altro talento iscritto al torneo: il 22enne ceco Tomas Machac (attuale 104 al mondo) ha superato agevolmente un acciaccato Cobolli e si appresta a disputare oggi il derby contro Dalibor Svrcina. Tra gli incontri di giornata in programma al Palasport di viale Germania, spicca la sfida tra lo svizzero Riedi e l’esperto olandese Robin Haase (ex numero 33 al mondo). In campo anche l’italiano Travaglia contro il ceco Andrew Paulson. Le gare sono tutte al coperto con ingresso gratuito.