Tempo di lettura: 2 minuti

Il 26° Circolo Didattico ” Monte San Michele ”di Bari è presente nel quartiere Carrassi da più di 40 anni, generazioni intere si sono formate, cresciute, hanno posto qui le basi per gli uomini e le donne che poi sono diventati/e. Hanno vissuto serenamente 8 anni della loro vita nelle aule e tra i corridoi di questa scuola. Hanno avuto sempre un sorriso, un abbraccio, una spalla su cui piangere e una mano tesa da tutti coloro che ogni giorno hanno condiviso, con passione, parte della loro vita.

Con il passare degli anni, il numero degli alunni si è sempre più dimensionato, ma siamo riusciti a trasformare ciò in un vantaggio. Da anni siamo una scuola a” misura di bambino”, non ci sono “classi pollaio”. Ogni piccolo alunno è sempre seguito, conosciuto, accudito e chiamato per nome da tutti coloro che lavorano all’interno dell’Istituto.

Ma ora “i numeri” si apprestano a distruggere tutto ciò! Si sa che presto o tardi si perderà il titolo di “Circolo Didattico” per acquisire quello di Istituto Comprensivo, ma si pensava che il passaggio e quindi il “famoso” accorpamento con altre scuole avrebbe rispettato una logica di territorialità e continuità come è giusto che sia e come cita la proposta comunale di dimensionamento scolastico a. s. 2022/23 del 4/11/2022, “… considerata la necessità di garantire stabilità e continuità nel tempo della rete scolastica, favorendo un’articolazione efficace ed efficiente delle Istituzioni Scolastiche, e potenziando la continuità educativa sin dai primi anni di scolarizzazione, al fine di contrastare la dispersione scolastica e garantire un approccio integrato all’apprendimento lungo tutto l’arco della vita”.

Purtroppo, ciò non è stato e in data 4 novembre 2022 la Ripartizione Politiche Educative-Giovanili e del Lavoro ha proposto alla Giunta del Comune di Bari, a firma dell’Assessore Paola Romano, la Deliberazione n. 2022/210/00062 in base alla quale si prevede la trasformazione in un unico comprensivo costituito dal 26° C.D. “MONTE SAN MICHELE” e dall’ I.C. “DE AMICIS- LATERZA” con l’attribuire del plesso Kennedy all’I.C. “MICHELANGELO”.

I docenti e genitori del 26° C.D. intervistati da noi di LSDmagazine dicono “NO” e propongono come alternativa, che il plesso Kennedy (solo in questo concordemente a quanto proposto dalla Giunta Comunale) sia accorpato all’IC “Michelangelo-Carrante”, il plesso Mungivacca all’IC “Montello-Santomauro” ed il plesso “Monte San Michele” all’IC “Zingarelli-Anna Frank”, la Scuola Carceraria sia organizzata sotto il CPIA1 di Bari e la Scuola Ospedaliera afferisca ad un’unica dirigenza per una riorganizzazione della rete scolastica che garantisca sufficiente stabilità nel tempo.

Tale proposta renderà ai genitori e agli alunni, i veri protagonisti di questa vicenda, meno traumatico questo cambiamento nel momento in cui si dovrà realizzare una graduatoria interna che potrebbe modificare la presenza di molti docenti nelle classi il prossimo anno scolastico.

Crediamo che il benessere psico-fisico dei bambini sia il primo obiettivo al quale la nostra società debba puntare e per questo ci affidiamo e confidiamo nel giusto operato del Comune di Bari e della Città Metropolitana, considerato che nel passato sono state prese in considerazione richieste simili da parte di altre Istituzioni Scolastiche.

La logica dei numeri vince ancora, ma il 26° C.D.” Monte San Michele ”di Bari non ci sta ad accettare il tutto passivamente!

Michele Traversa