Tempo di lettura: 2 minuti

L’artigianato locale torna protagonista dell’incantevole cornice di Masseria Torre Maizza, a Savelletri. Nel pomeriggio di ieri, domenica 17 aprile, l’Associazione Culturale “Fatto in Bottega” ha dato il via a una nuova serie di incontri e laboratori pensati per raccontare il mestiere degli artigiani, le loro creazioni e le relative tecniche di lavorazione. Dopo il successo di “talk&work: Botteghe in Masseria” della passata stagione estiva, infatti, Masseria Torre Maizza – Gruppo Rocco Forte Hotels ha accolto con rinnovato entusiasmo il progetto di ospitare le maestranze dell’artigianato locale offrendo così agli ospiti della struttura l’esperienza unica di scoprire da vicino i segreti grazie ai quali le materie prime vengono trasformate in manufatti unici e di conoscere il territorio attraverso le persone che in esso ci lavorano portando avanti tradizioni consolidate.

A inaugurare il nuovo calendario di eventi (le cui date sono in fase di definizione) sono stati Vito Olive, titolare di “Olive Arte in rame”, azienda specializzata nelle lavorazioni in rame e ottone da oltre un secolo, con lui alla terza generazione; Valentina De Carolisproduct & graphic designer, nonché Art Director di “Fatto in Bottega” e Pamela Vinci, artigiana che realizza pezzi unici e personalizzati ricamati a mano, ideatrice del brand “Un enso a colori”. Nel corso degli appuntamenti, e per tutta la stagione estiva, proseguiranno gli incontri con gli artigiani e le attività laboratoriali rivolte a bambini e adulti, visitatori e turisti.

«Portare nuovamente le nostre botteghe e il nostro lavoro nella raffinatezza e nella bellezza di Masseria Torre Maizza è sicuramente un privilegio – dichiara Vito Olive, Presidente di “Fatto in Bottega” –. Vogliamo ringraziare tutti coloro che rendono possibile questa collaborazione e questa preziosa opportunità di valorizzazione del nostro operato. A differenza della prima edizione, nei nuovi incontri che promuoveremo cercheremo di offrire workshop e attività pratiche che possano far toccare davvero “con mano” quello che facciamo, realizzare insieme a noi un manufatto e offrire allo stesso tempo un’esperienza da ricordare anche dopo il soggiorno nel nostro territorio».