Tempo di lettura: 2 minuti

Ginevra, Matilde, Azzurra e Swami, costituiscono un bel quartetto di amiche. Si conoscono fin da quando sono molto piccine, anche perché le loro mamme si frequentavano già da ragazze e sono praticamente cresciute insieme. Ci si presentano fin dalla prima pagina di Quando è l’amore a tradire, il nuovo atteso romanzo rosa di Barbara Nalin. Siamo a Bardolino nel 1995 e ci troviamo a una piccola riunione tra donne. Le ragazze, che sono sempre più legate, vogliono vederci chiaro su una questione che fa soffrire e non poco una di loro, l’insicura Swami. In pratica la ragazza è sicura di aver visto la sera precedente la sua amica Ginevra in atteggiamenti pressoché inequivocabili con il suo Gabriele. In realtà suo non proprio visto che i due non stanno insieme e  non  si sono sono scambiati nemmeno un semplice bacio. Ma lei, chi si è invaghita di lui fin dal primo istante che l’ha visto, non può, e soprattutto non vuole, rinunciare al suo sogno d’amore. Vuole stare con lui e farlo perdutamente innamorare di lei. E per farlo ha chiesto l’aiuto alle sue amiche, in  particolar modo a Ginevra che è la più avvenente e scaltra di tutte. In pratica lei dovrebbe aiutarla a mettersi con Gabriele, facendole un po’ da ambasciatrice. Ma, nonostante l’amica accetti tale ruolo, seppur con qualche diffidenza iniziale, farà – in realtà – nulla per avvicinare i due e anzi, farà di tutto per mettersi in luce lei stessa agli occhi del ragazzo, che pian piano si scoprirà profondamente attratto da lei. Di contro Matilde e Azzurra cercheranno di aiutarla, consigliandola su un cambio di look sia per quanto concerne i suoi outfit che i suoi capelli. Ma Ginevra, nonostante le grandi difficoltà che l’amica riscontra sempre di più nel tentativo, anche piuttosto  goffo, di conquistare il cuore di Gabriele, di non farà ancora nulla per spianare la strada e, di contro, le metterà pure, metaforicamente parlando, i bastoni tra le ruote, apparendo in pubblico, feste in primis, sempre più bella e sensuale. Insomma, con la sua figura tende a oscurare sempre di più tutte le sue amiche, oltre che tutte le altre ragazze presenti. Ma non vuole deluderle lei le sue girls e tanto meno confidare a Swami le sue mire verso Gabriele che è ormai cotto di lei. E quindi negherà con tutte le sue forze di avere una storia con lui. Passa il tempo, trascorrono gli anni e le ragazze iniziano a non frequentarsi quasi più. Cambiano città per studio, lavoro e amore. Si perdono di vista ma poi, vent’anni dopo, si ritrovano per un pasto da condividere insieme con l’obiettivo di rivedersi e scambiare quattro chiacchiere. Sono tutte molto cambiate, è innegabile, ma se Matilde Azzurra e Swami sono oggi splendide donne, sicure del loro fascino e in forma, lo stesso non si può dire di Ginevra che non solo non si è realizzata dal punto di vista professionale e ha alle spalle un matrimonio fallito, ma si è pure appesantita portando addosso la bellezza di una ventina di chili di troppo. Non sarà facile ritornare ad essere unite come un tempo e non lo sarà soprattutto per lei e Swami. E quando il passato farà nuovamente capolino nelle loro vite nulla sarà più come prima. Che cosa accadrà di tanto sconvolgente e doloroso da segnarle in profondità non solo nel cuore ma anche nell’anima? Che fine avrà fatto Gabriele? Quale è stato e quale sarà il suo ruolo nelle loro vite?