Tempo di lettura: 2 minuti

Insieme ai tanti personaggi noti e meno noti che stanno popolando l’estate pugliese è arrivato nel tarantino e più precisamente a Borgo Pineto (Castellaneta Marina) un simpatico ragazzino che sicuramente farà parlare di sé. Lui è Christian Di Nanni, classe 2009 che gioca nella Dominante Monza, scuola calcio Milan AC, la squadra dove ha iniziato a muovere i primi passi il campione europeo Matteo Pessina. Trovandomi di passaggio in questo bellissimo Villaggio residenziale ho avuto la possibilità di vederlo all’opera in campo e lui, disponibilissimo ed un po’ emozionato per questa improvvisa notorietà ci ha deliziato rispondendo a qualche domanda al termine della partita.

Christian come mai ti trovi in Puglia?

I miei genitori sono pugliesi sono di Andria e qui vivono attualmente i miei nonni ed è sempre un piacere venire in questa terra anche se amo vivere a Monza.

Come mai hai scelto il ruolo di portiere?

A differenza degli altri ruoli il portiere deve saper fare tutto. Nel tuffarsi, nell’uscire nell’incitare la squadra e deve essere sempre concentrato per tutti i 90 minuti dell’incontro, amo questo ruolo e mi fa stare bene.

A quale portiere ti ispiri nel gioco?

Il mio portiere preferito è Gigi Buffon ma da poco prima degli Europei il mio Mister mi ha consigliato di seguire Donnarumma che si muove davvero molto bene tra i pali.

Giochi nella scuola calcio Milan ma tifi Juventus, come mai? Perché la scuola calcio Milan a Monza è la migliore, ma questo non vuol dire che io non tifi per la Juve anche se simpatizzo per il Milan e per la squadra della mia città, Monza.

Fino ad oggi chi è stato il mister migliore che hai avuto?

Sicuramente Davide De Lucce, perché ci trasmette tanta grinta durante gli allenamenti ed è soprattutto un ottimo allenatore ed è severo al punto giusto. Come ti vedi tra 5 anni?

A mio avviso, bisognerebbe vivere la vita al momento e per ora mi concentro per quello che mi piace fare, tra cinque anni si vedrà.

Il tuo sogno nel cassetto?

Mi piacerebbe diventare un grande giocatore o lavorare con mio fratello Matteo, che ha delle idee innovative davvero interessanti.

Hai degli hobby?

Mi piace tantissimo la musica, infatti studio e suono il pianoforte da cinque anni, mi piace prendermi cura del mio cane Blues e giocare con lui, mi piacciono le auto e tutti i tipi di sport e quando posso viaggio con la mia famiglia.

Chi è il tuo compagno di squadra preferito nella Dominante Monza?

Sono tutti molto forti ma con Mattia Bini detto “the Wall”, difensore insuperabile c’è una lunga amicizia che ci lega e ci divertiamo molto.

Hai solo 12 anni ed hai anche grande esperienza a tuo avviso cosa cambieresti o cosa lasceresti nel calcio?

Io non cambierei nulla nel gioco forse solo i tifosi dovrebbero essere meno volgari e violenti e meno razzisti.