Tempo di lettura: 2 minuti

Il mese di marzo vede certamente l’inaugurazione a Bari del primo Capitolo di BNI: molti gli imprenditori e i liberi professionisti che hanno deciso di sperimentare la filosofia del “nuovo modo di fare business” e di prendere parte alla più grande rete di networking al mondo, nella speranza e con l’aspettativa di dare uno sprint all’economia e di veder crescere e sviluppare il proprio territorio e le imprese che vi operano.

Già il primo Capitolo sta per tagliare il nastro, pronto a dimostrare che uniti si vince: Apulia è il suo nome e a breve verrà seguito da nuovi altri Capitoli.

Gli imprenditori e i professionisti aderenti a tale Capitolo hanno aderito al network consapevoli del fatto che non dovranno più operare in un’ottica individualistica, ma in un contesto di sana collaborazione etica che dà vita alla progressione dell’intero sistema e che prevede il superamento dell’idea della dura concorrenza con una prospettiva collaborativa.

Le prime aziende che si sono unite a BNI a Bari sono, pertanto, già pronte a veder decollare la propria attività e a raccoglierne i frutti.

I nuovi Membri di BNI hanno in testa chiaro il loro obiettivo: riuscire a d incrementare il proprio giro d’affari attraverso lo scambio di referenze e attraverso un passaparola strutturato, gratuito e spontaneo che dia luogo allo sviluppo di relazioni significative e di valore.

Il responsabile dello sviluppo del progetto BNI nell’area di Bari, Luca Pellegrino, che già da 8 anni si occupa con successo di marketing referenziale e reti di imprese, soddisfatto, presenta i nuovi Capitoli “Made in Bari” e sottolinea che “se le aziende di un territorio entrano in contatto tra loro e cominciano a cooperare, anche le collaborazioni con i reciproci fornitori e clienti diventano più efficaci”.

Pellegrino ha anche ricordato che BNI ha un animo solidale e ha stabilito di supportare associazioni no-profit presenti nella zona prescelta: ogni nuovo Capitolo ha adottato, infatti, un’organizzazione del terzo settore del territorio al fine di sostenerne il progetto e supportarla economicamente, il tutto secondo il principio di una “restituzione benefica” nei confronti della zona.

Le onlus già “adottate” sono: la “Fondazione Nikolaos”, presidente Vito Giordano, per il progetto “Medici con il camper” che si occupa di fornire assistenza socio-sanitaria a tutti coloro che vivono in una condizione di marginalità e di bisogno sul territorio pugliese e “Asfa” Puglia, presidente Vittoria Morisco, per il progetto i “Bambini delle Fate” che prevede la realizzazione di attività riabilitative e inclusive a favore dei bambini autistici.

BNI in questo modo si lega ancora di più al territorio sposando l’idea di una crescita di tutti gli operatori del sistema correlata e collegata ad un sostegno solidale erogato a favore delle fasce più deboli.

L’invito ad entrare a far parte del meraviglioso mondo di BNI è esteso a tutti i professionisti e agli imprenditori: chiunque volesse ricevere maggiori dettagli sul progetto può rivolgersi al Regional Director Luca Pellegrino (cell. 340 4707794 – pellegrino@bni-italia.it).