Tempo di lettura: 2 minuti

C’è una piccola casa bianca che fluttua pigramente sulle acque del Lago Tisza, in Ungheria.

Tamás Bene, un architetto ungherese, ha progettato Sneci (questo il nome della tiny house galleggiante) con l’obiettivo dichiarato della sostenibilità. La coppia che ha commissionato Sneci è originaria di Budapest.

Una bianca lumaca di lago

La splendida tiny house che sembra una barca da pesca naviga con molta calma, e d’altra parte il nome dice tutto. Sneci in ungherese significa “lumaca”. Coincidenze? Non credo.

L’obiettivo era proprio quello: Bene e i suoi clienti volevano una casa galleggiante che potesse portarli lentamente attraverso i corsi d’acqua curvi del lago Tisza. Una tiny house costruita per il tempo libero, per godersi la quotidianità con la calma dei pescatori.

Il design generale della barca è palesemente e dichiaratamente ispirato alla barca da pesca. Come la barca da pesca ha un approccio compatto ma funzionale, e in questa veste insolitamente confortevole.

Sneci, dimensioni ridotte e adattabilità

Riuscendo a incorporare una piccola cucina, una zona pranzo e un letto matrimoniale nel piccolo spazio di Sneci, Bene ha rivestito le pareti interne della barca con termolegno e legno di sequoia. Poiché i progettisti strutturano una barca da pesca principalmente in base alle esigenze di ogni pescatore, la nave finale dà la priorità alla praticità rispetto all’estetica.

Sperando di trovare un giusto compromesso tra le due esigenze di estetica e funzionalità, Bene ha mantenuto il minimalismo intrinseco della casa galleggiante. Sneci è uno spazio abitativo compatto che integra sottili accenti di design nautico sia per l’interno che per l’esterno.

La maggior parte del rivestimento esterno e della struttura di Sneci sono costruiti in alluminio e poi ricoperti con un bel rivestimento bianco.

Oltre all’alluminio, per la tiny house “barca da pesca” Bene ha utilizzato il termolegno per il tetto e il piano di calpestio. Gli oblò più piccoli forniscono lo spazio abitativo interno con vista sul lago e una porta più grande dal pavimento al soffitto offre una vista più completa e si apre sul ponte di prua della casa galleggiante e sulle meraviglie all’aperto del lago artificiale.

Casa o barca da pesca, è comunque un luogo… solare

Perchè Sneci si fondesse a meraviglia con il contesto naturale del Lago Tisza, il ricorso alle rinnovabili era quasi scontato.

Due pannelli solari rivestono il tetto di Sneci e generano elettricità sufficiente per alimentare le apparecchiature elettriche nella minuscola cucina della casa galleggiante. Poco ma sicuro. Un piccolo frigorifero, lampadari e una piastra fornello a gas sono perfettamente funzionanti.

 

“Volevamo progettare una casa con la filosofia di una barca da pesca in grado di assimilarsi a questo ambiente, che potesse diventare parte di questo scenario”

Tamás Bene

Con un sistema idrico contenuto, una fonte di elettricità efficiente dal punto di vista energetico e uno spazio abitativo modulare e compatto, il successo era garantito.

Sneci e il suo progettista navigheranno nelle tranquille acque della bellezza essenziale.