Tempo di lettura: 5 minuti

""

Domenica 13 dicembre alle 19.00 la Stagione Concertistica propone il concerto del pianista Pierluigi Camicia con il Bennewitz Quartet, composto da Jakub Fišer (violino), Štěpán Ježek (violino), Jiří Pinkas (viola) e Štěpán Doležal (violoncello).

In programma: Quartetto per pianoforte e archi in Mi bemolle maggiore op. 44 di Robert Schumann e Quintetto n. 2, in La maggiore op. 81 di Antonín Dvořák.

Pierluigi Camicia, formatosi all’alta scuola d’insigni maestri come Agosti, Caporali, Badura Skoda, inizia la carriera concertistica sulla scia di premi conseguiti in Concorsi Nazionali (Treviso) e Internazionali di grande prestigio, (Busoni, Ciani, Chopin) e con l’ammirazione e la stima di artisti quali Rostropovitch, Ferrara, Ciccolini. I suoi recitals in Europa, USA e Asia, tenuti in prestigiose sale (La Scala a Milano, la Carnegie Hall a New York, l’Oriental Art center a Shanghai) riportano sempre ampi consensi di critica e di pubblico. Particolare attenzione rivolge a repertori inusuali, in collaborazione anche con solisti e direttori di fama (Ferro, Friedman, Haronovitch, Gusella) e con orchestre europee e americane; insieme con Michael Flaksman, Ruggiero Ricci, Angelo Persichilli, Felix Ayo, Nina Beilina l’attività cameristica diventa occasione di proposte musicali poliedriche e affascinanti. Collabora con cantanti di prestigio quali Ricciarelli, Devia, Colaianni in recital liederistici e lirici e sovente con vocalist quali Antonella Ruggiero e Mariella Nava. Titolare di cattedra al Conservatorio Nazionale Piccinni di Bari dal ’73, chiamatovi dall’allora Direttore Nino Rota, Pierluigi Camicia è maestro di una schiera di talenti già alla ribalta del concettismo internazionale. Ha inciso musiche di Chopin, Giuliani, Rota, Grieg, Brahms, Franck, Faurè e Van Westerhout per la Farelive, la Abegg e Bongiovanni. Tiene Masterclasses di pianoforte e musica da camera per Università in USA e in Hochschule in Germania, Francia, Croatia, Polonia. Ha ricevuto nel 2000 il Premio per la Musica “NELO FRENI”. Nel 2007 è stato nominato, dal Ministro per l’Università, “per meritata fama” Direttore del Conservatorio Tito Schipa di Lecce, e confermato per il triennio successivo.

Il Bennewitz Quartet è una delle migliori formazioni cameristiche internazionali, uno status confermato non solo dalle vittorie in due prestigiosi concorsi – Osaka nel 2005 e Prémio Paolo Borciani, Italia nel 2008, ma anche dal plauso della critica. Già nel 2006 il tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung scriveva: "… la musica era notevole non solo per la sua chiarezza di struttura, ma per la bellissima tavolozza tonale e la purezza dell’intonazione nell’esecuzione. Solo molto raramente si sperimenta così abilmente armonie artigianali e potenti … Grande arte ". L’ensemble ha ricevuto anche vari premi sulla scena musicale ceca. Nel 2004 il quartetto è stato insignito del Premio della Czech Chamber Music Society e nel 2019 i quattro musicisti hanno vinto il Classic Prague Award per la migliore performance di musica da camera dell’anno.

""
Il quartetto si esibisce attualmente in importanti sedi sia nella Repubblica Ceca che all'estero (Wigmore Hall London, Musikverein Wien, Konzerthaus Berlin, Théâtre des Champs-Elysées Paris, The Frick Collection New York, Seoul Art Center, Rudolfinum e altri), ed è regolarmente invitato a festival come il Salzburger Festspiele, il Luzerne Festival, il Rheingau Musik Festival, il Kammermusikfest Lockenhaus e la Primavera di Praga. Il gruppo ha avuto il privilegio di lavorare con i migliori artisti: Jean-Yves Thibaudet, Alexander Melnikov, Vadim Gluzman, Isabel Charisius, Pietro de Maria, Reto Bieri, Danjulo Ishizaka e altri.
Al Bennewitz Quartet piace particolarmente suonare e esibirsi sulla scena musicale nazionale ceca. Particolari punti salienti hanno incluso la loro collaborazione con l'Orchestra Filarmonica Ceca e il suo direttore Jiří Bělohlávek per un'esecuzione del Concerto per Quartetto e Orchestra di Bohuslav Martinů. Il gruppo ha registrato entrambi i quartetti di Leoš Janáček per la televisione ceca nello spazio unico di Villa Tugendhat a Brno. La Radio Ceca registra regolarmente i grandi concerti del quartetto.

I frutti della loro collaborazione a lungo termine con l'etichetta Coviello Classics includono una registrazione dei due quartetti per archi di Leoš Janáček e il quarto di Béla Bartók. La risposta della critica è stata molto positiva. La rivista Fono Forum è rimasta colpita dal "temperamento focoso". La seconda registrazione della serie, pubblicata nella primavera del 2010, contiene entrambi i quartetti di Bedřich Smetana. Il sito web Klassik.com lo ha definito "semplicemente fenomenale". Il loro progetto successivo fu la registrazione del ciclo completo dei Cipressi di Antonín Dvořák, per l'etichetta Hänssler Classic, seguita dalla registrazione dei quartetti op.51 e op.106 per l'etichetta musicale SWR. I membri del quartetto mettono molta enfasi sulla scelta stimolante e talvolta stimolante del loro repertorio concertistico. Nel 2012 e 2015, l'ensemble ha eseguito in un'unica serata il completo dei sei quartetti per archi di Bartók al Maggio Musicale Fiorentino e in svedese Upsala. Nel 2014, i quattro hanno presentato una prima di The Songs of Immigrants di Slavomír Hořínka al Konzerthaus di Berlino. Nel 2019 il quartetto ha aggiunto un nuovo CD nella sua discografia con la musica dei compositori ebrei perseguitati H. Krása, V. Ullmann, E. Schulhoff e P. Haas per l'etichetta Supraphon.
Dal 1998 il quartetto porta il nome del violinista e direttore di un conservatorio di musica a Praga, Antonín Bennewitz (1833-1926) che ha contribuito notevolmente alla fondazione della scuola di violino ceca. I musicisti più significativi che annoverano tra i suoi discepoli sono Otakar Ševčík e František Ondříček e soprattutto Karel Hoffman, Josef Suk e Oskar Nedbal che, sotto l'influenza di Bennewitz, formarono il famoso Bohemian Quartet.

Prossimo appuntamento dei concerti della rassegna Petruzzelli Streaming: martedì 15 dicembre alle 20.30 con l’Orchestra del Teatro, diretta da Giampaolo Bisanti con la pianista Beatrice Rana.

In programma Concerto n. 4 in Sol maggiore, per pianoforte e orchestra op. 58 di Ludwig van Beethoven e Sinfonia n. 7 in La maggiore, op. 92 di Ludwig van Beethoven.

I concerti in streaming saranno trasmessi su tutte le piattaforme digitali della Fondazione: il sito del Teatro (www.fondazionepetruzzelli.it), la pagina Facebook ufficiale Fondazione Teatro Petruzzelli e il canale YouTube Fondazione Petruzzelli e resteranno disponibile per un mese dalla data di pubblicazione.

Anche la Fondazione Petruzzelli aderisce alla campagna “Aperti, nonostante tutto” dell’Anfols (Associazione Nazionale delle Fondazioni Lirico Sinfoniche) che condividerà i concerti in streaming sulle sue piattaforme digitali.