Tempo di lettura: 2 minuti

In foto da sinistra Vito Grittani, Rinaldo Melucci e Raffaele Vecchi

Partiranno da Taranto, destinazione Roma, 2000 kg di pasta per i “poveri del Papa”.

L’iniziativa è stata presentata stamattina nel Palazzo di Città di Taranto, alla presenza del sindaco Rinaldo Melucci, del fondatore dell’Osservatorio Diplomatico Internazionale Vito Grittani, del presidente dell’associazione Stabat Mater Raffaele Vecchi e della vicepresidente dell’associazione Amic.A Natalia Boccuzzi, che insieme all’associazione Cantiere Laboratorio e ad alcuni soggetti privati, primo fra tutti il pastificio pugliese Lori, hanno costruito questa piccola rete di solidarietà.

La pasta sarà consegnata nelle mani dell’elemosiniere del Vaticano cardinal Konrad Krajewski il prossimo 5 dicembre, dopo che altri 500 kg di pasta sono stati donati lo scorso 17 ottobre all’arcidiocesi di Taranto, direttamente all’arcivescovo Filippo Santoro. Oltre la pasta, queste associazioni hanno raccolto anche dei medicinali per aerosol molto utili in questo particolare periodo, che sono stati già consegnati all’assessorato ai Servvizi Sociali.

Vito Grittani con Rinaldo Melucci

«Siamo molto contenti di accogliere e sostenere questa iniziativa – le parole di Vito Grittani –, perché nonostante le difficoltà di questo momento così delicato ci sono energie positive che si spendono per le persone fragili, gli fanno eco anche Raffaele Vecchi e Natalia Boccuzzi che fattivamente si sono adoperate per la realizzazione di questo risultato. Queste associazioni, si sono impegnate così tanto, per farci sperare positivamente per il futuro. Il 2021 sarà un anno di grande partecipazione e con loro abbiamo già stabilito che, appena tornerà possibile, avremo un momento di ampia condivisione».