Tempo di lettura: 5 minuti

""

Vengo subito al dunque: il metano prodotto dal cibo nelle discariche è 25 volte più dannoso dell’anidride carbonica nel catturare il calore nell’atmosfera. 88 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari ogni anno nella sola UE e costi stimati in 143 miliardi di euro: gli sprechi alimentari sono tra i diretti responsabili del cambiamento climatico.

Ecco 6 innovazioni tecnologiche che mirano a rendere la prevenzione degli sprechi alimentari più facile, più efficiente e perfino più divertente.

L’etichetta alimentare che cambia colore e prezzo avvicinandosi alla scadenza

Quando i generi alimentari raggiungono la data di scadenza, per evitare sprechi alimentari i supermercati spesso li rietichettano con adesivi di sconto (20% di sconto, poi 40% eccetera). Una sconto tanto più grande quanto vicina è la data di scadenza.
Ma questa rietichettatura può richiedere molto tempo per il personale, spreco di lavoro, energia e altra carta: spesso porta anche ad errori.
Per evitarlo, tre dottorandi della National Taipei University of Technology hanno progettato un sistema migliore: uno sconto direttamente previsto sui codici a barre. Il concept consiste in adesivi che cambiano colore e importo in base alla tempistica della data di scadenza. Ad esempio, quando una confezione di carne è a 48 ore dalla scadenza, sull’etichetta compare la scritta 20% di sconto. Quando è a 24 ore dalla scadenza, questa viene automaticamente sostituita con la parola 40% di sconto.

Un “ago sensore” di seta rileva il deterioramento del cibo


Gli ingegneri del MIT hanno sviluppato un sensore che perfora l’imballaggio per campionare il cibo alla ricerca di segni di contaminazione batterica e deterioramento.
Il sensore è costituito da microaghi stampati con proteine ​​commestibili simili a quelle che si trovano nei bozzoli di seta. È un primo passo verso lo sviluppo di un sensore di facile lettura per aiutare a prevenire lo spreco di cibo.
I microaghi assomigliano al velcro e misurano circa 1,6 millimetri di lunghezza per 600 micron di larghezza, solo un terzo del diametro di un filo di spaghetti. Sono utilizzati per attirare il fluido nella parte posteriore del sensore, che viene stampato con due tipi di inchiostro speciale.
Questi bioinchiostri cambiano colore quando vengono a contatto con fluidi a pH diversi, indicando quando sono presenti batteri o quando il cibo è deteriorato.
I ricercatori hanno testato con successo i loro sensori su pesci deliberatamente infettati da Escherichia coli, indicando che potrebbero essere usati per prevenire focolai di salmonella e altre infezioni batteriche. Ma sperano anche che possa aiutare a ridurre la quantità di cibo che viene buttato via, consentendo alle persone di controllare facilmente se il cibo oltre la data di scadenza è ancora sicuro da mangiare.

Olio, l’app che trova vicini cui dare il cibo che avanza prima che scada


Vi stupirebbe sapere che circa 850 miliardi di euro di cibo vengono sprecati ogni anno, creando montagne di rifiuti alimentari da 1,3 miliardi di tonnellate? Tessa Clarke lo era, specie dal fatto che non riusciva a trovare nessuno a cui dare il cibo avanzato. In risposta, ha collaborato con Saasha Celestial-One, laureata in MBA di Stanford, e ha creato l’app Olio.
La premessa di Olio è semplice: gli utenti scaricano l’app, scattano foto di prodotti alimentari che desiderano dar via e li aggiungono alle schede dell’app. Gli utenti nelle vicinanze ricevono avvisi e possono richiedere gli articoli. Il ritiro è organizzato tramite messaggistica privata.
Secondo Olio, il 50% di tutti gli elenchi di alimenti aggiunti all’app viene richiesto in meno di due ore.
Un bel colpo contro gli sprechi alimentari. Circa 1 milione di persone si sono registrate per utilizzare l’app in 46 paesi, condividendo circa 1,2 milioni di porzioni di cibo. L’azienda è partita con soli 45.000 euro (i risparmi dei fondatori), ma ora ha raccolto quasi 7 milioni di euro da angel investor e venture capitalist e sta pianificando nuove espansioni.

Ixon Food conserva per anni gli alimenti cotti


E se il cibo potesse essere conservato e spedito a temperatura ambiente, senza conservanti? Questo è l’obiettivo della startup Ixon Food Technology.
L’azienda ha sviluppato una tecnologia chiamata confezionamento asettico sous-vide in grado di sterilizzare prodotti alimentari a basse temperature, utilizzando un processo di sterilizzazione termica assistito da microonde.
Le tecnologie adottate permettono ai cibi di mantenere il sapore che hanno quando sono appena cucinati, e tutte le caratteristiche nutritive adatte.
Un piatto appena cucinato può essere conservato per 12 mesi a temperatura ambiente.

Conservante alimentare a base di uova mantiene più freschi i cibi deperibili


Un team di ricercatori della Rice University ha scoperto un modo per utilizzare i 200 milioni di uova che vanno sprecate ogni anno negli Stati Uniti.
Utilizzando sia tuorlo che albume gli scienziati hanno creato un rivestimento proteico commestibile e idrosolubile che mantiene il cibo fresco più a lungo. Le proteine ​​sono relativamente buone per il corpo umano, il che significa che il nuovo conservante non solo è migliore per l’ambiente, ma è anche più sano da consumare.
Attualmente il conservante di questo tipo più utilizzato è la cera, che è a base di grassi e si trova sulla maggior parte dei prodotti dei supermercati.
Nei test, la conservazione del rivestimento a base di uova era paragonabile a quella della cera. E i consumatori che non possono mangiare uova? Basta sciacquare via con l’acqua il rivestimento composto per il 70% da uova, l’altro 30% da un mix di ingredienti tra cui cellulosa e curcumina.

Grubin, un cestino di mosche per riciclare il cibo

Un gruppo di studenti dell’Università di Tokyo ha sviluppato un nuovo metodo per riciclare i rifiuti alimentari. Gli studenti sono stati ispirati da un viaggio a Phnom Penh, dove hanno notato una grande quantità di immondizia, perlopiù sprechi alimentari, che marciva sul ciglio della strada. Rifiuti non solo antiestetici ma pericolosi per la salute.
Per risolvere questo problema, gli studenti hanno avuto l’idea di Grubin, un bidone dei rifiuti pieno di larve che mangeranno tali rifiuti organici.
Gli studenti hanno sviluppato un bidone di plastica pieno di larve hermetia illucens. L’idea è che le larve mangeranno i rifiuti organici gettati nel bidone. Una volta cresciute, poi, le larve verranno raccolte da un apposito vano all’interno del bidone, essiccate e macinate in pellet, per essere utilizzate come fonte sostenibile di mangime per pesci o polli.
Gli studenti hanno avviato una campagna di crowdfunding pubblico e hanno vinto il Nippon Foundation Social Innovation Award con un premio da 10 milioni di yen (€ 84 239,05).