Tempo di lettura: 2 minuti

""

Questo è il piatto tipico degli italiani che verso la mezzanotte, in compagnia di amici, presi da una voglia improvvisa di pasta, preparano questo capolavoro dell’arte culinaria: un piatto buono, rapido semplice e gustosissimo.

Questo condimento è tipico della cucina povera napoletana, dove con quel poco che si ha, si riesce a fare un capolavoro gastronomico.

Le sue origini risalgono all’epoca borbonica e da molti viene considerato il parente povero degli spaghetti alle vongole. Pur essendo semplice, questo piatto ha i suoi segreti e attenzioni. Per prima cosa non si deve mai esagerare con l’aglio, due spicchi per quattro persone, sono sufficienti, una dose di 100gr di spaghetti a persona è la dose consigliata. Non bisogna mai far bruciare né l’aglio né il prezzemolo e non devono né galleggiare nell’olio né devono essere troppo secchi. 8-10 cucchiai di olio extravergine di oliva sono giusti per quattro persone. Per la dose del peperoncino invece si va a gusti, ma è buona regola che il piccante non impedisca di far assaporare gli altri gusti.

Altre piccole curiosità.

L’aglio: Allium sativum, è una pianta a bulbo originaria dell’Asia ma oggi viene coltivata ovunque.

E’ un antibatterico, antivirale e abbassa il colesterolo cattivo nel sangue.

Olio: ottenuto per spremitura dai frutti dell’Ulivo, Olea Europaea, dal greco elaion.

Pianta autoctona di origine Siriana e Libanese, venne poi diffusa poi in modo sistematico e portata in sud Italia, dagli antichi greci intorno all’VIII secolo a.C.

E’ ricco di fenoli, carotenoidi e vitamina E, è un buon antinfiammatorio, vasodilatatore e antibatterico.

Peperoncino: Capsicum annuum, è di origini messicane ed è una variazione del peperone poiché contiene la capsaicina che lo rende molto piccante. Il suo nome originale è “chilli”. Nella canzone Speedy Gonzales si nomina il “chilly pepper”

E’ ricco di principi attivi, è ricco di vitamine (C, E, A…) di carotenoidi, Sali minerali. Ha molte proprietà, tra cui antiossidante, antibatterico, antidolorifico e migliora la circolazione del sangue.

Gli spaghetti: non li hanno inventati i cinesi. Sono nati a Trabia, in Sicilia, nel primo pastificio di pasta essiccata al mondo. La pasta essiccata, in forma di maccheroni, fu portata in Sicilia dagli arabi durante la loro dominazione intorno al VI secolo d.C.