Tempo di lettura: 2 minuti

""

“Cristiano e così sia” un romanzo di Luciana Pietraccini che ripercorre la vita di diverse generazioni messe a confronto. Gli anni della guerra vengono vissuti con dolore ma la speranza illumina il cammino di Bruna e Carlo che riescono a realizzare il loro sogno d’amore. Si sposano e mettono al mondo due figli superando insieme tutte le difficoltà del tempo. I ragazzi crescono e combattono le loro battaglie esistenziali legate alla crescita. Crescita difficile soprattutto per Cristiano viziato e violento con chiunque. Nella sua vita non fa che collezionare sconfitte sentimentali , due donne che lo amavano finiscono per odiarlo , lui senza troppi sensi di colpa resta solo e riesce soltanto a raggiungere un obiettivo: diventare dentista come il padre. Non diventa responsabile neppure dopo aver avuto i figli, è preda di attacchi d’ira e beve a dismisura.

""

Un incontro gli cambierà la vita, un giorno qualunque incontra Vanessa che gli fa scoprire le gioie del vero amore e le pene dell’illusione. Dopo aver vissuto momenti di felicità pura finirà per vivere un incubo dal quale non si risveglierà mai. Questa volta è lui la vittima, troppo innamorato per vedere le cose con lucidità. L’amore può fare questo effetto? Sì e a volte i risultati possono essere devastanti. Un romanzo che mette in risalto la complessità dei rapporti umani, basta poco per perdere tutto e basta poco per lasciarsi abbindolare in un momento difficile. L’amore vero non lascia spazio al dubbio ma la troppa fiducia può rivelarsi un’arma a doppio taglio soprattutto se dall’altro lato c’è una persona arrivista, materialista e con seri problemi psicologici. La vita può cambiare in un attimo ma tutto dipende anche dalle scelte che facciamo. Cristiano si fida ciecamente del suo amore e finirà per rimanere fortemente deluso da chi dice di amarlo. I sentimenti contrastanti albergano i personaggi e si finisce per non comprendere veramente quale sia il filo sottile tra la verità e la menzogna.

Un libro che appassiona per la forte intensità delle storie che racconta anche dei personaggi secondari. Cos’è reale e cosa non lo è? Il lettore continuerà a chiederselo fino alla fine ed è questa la grande forza del romanzo.