Tempo di lettura: 2 minuti

""

L’Associazione della Stampa di Puglia esprime "solidarietà a tutti i lavoratori dell’emittente ‘Radio Mi piaci‘ alla luce della lunga e travagliata vicenda burocratica, finita dinanzi ai giudici amministrativi, riguardante il traliccio tramite cui la storica emittente barese (già Altra Radio) ogni giorno produce informazione e intrattenimento".

"Su quella antenna – si legge in una nota – che nel corso di ben 30 anni ha superato positivamente ogni ispezione da parte dell’Arpa Puglia e dell’Ispettorato territoriale per le comunicazioni, pende il prossimo 7 novembre il giudizio del Consiglio di Stato circa la sospensiva o meno dello smantellamento, richiesto dalla Ripartizione Urbanistica ed Edilizia del Comune di Bari, dopo che per oltre 17 anni la società editrice (Altre Reti Pubblicità srl) non è riuscita ad ottenere la conclusione delle pratiche aperte con il Comune, rinunciando tra l’altro ai condoni intercorsi proprio perché in attesa di risposte".

"Laddove restino confermate le compatibilità ambientali del traliccio, così come verificato sinora da tutte le autorità preposte – evidenzia Assostampa – sarebbero auspicabili risposte celeri e soluzioni da parte del Comune quando vengono ravvisate irregolarità, evitando inutili e costosi contenziosi".

"Sarebbe una beffa, infatti – conclude Assostampa – per tutti i dipendenti, giornalisti compresi, che a pagare il conto di ritardi burocratici cumulati dal lontano 2002 e ora finiti in un contenzioso dinanzi ai giudici, siano sia l’emittente barese, sia le emittenti regionali e nazionali (Radio Radicale, Radio Dimensione Suono, Radio Norba, Radio 105 etc) che tramite quell’antenna trasmettono ogni giorno su Bari e provincia le loro produzioni, a beneficio del pluralismo dell’informazione nella città metropolitana".