Tempo di lettura: 2 minuti

""

«Le Olimpiadi le avevamo già in casa e ora dobbiamo rincorrere». Così il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, oggi alla presentazione della stagione invernale della Vialattea, in merito alle Olimpiadi 2026 che si svolgeranno a Milano e Cortina dopo le polemiche che hanno portato Torino a restare fuori dalla candidatura.
«Una scelta – aggiunge Cirio – che non ho condiviso. Non per questo però voglio rinunciarci. La partita non è persa e credo che ci siano spazi per recuperare un ruolo per Torino e per le nostre montagne riuscendo ad inserirci nel calendario».

L’occasione della conferenza stampa è stata accolta per tracciare un bilancio di quanto avvenuto l’anno scorso e, soprattutto, per immergersi nel presente e nel futuro. La stagione che sta per cominciare culminerà il 18 e 19 gennaio 2020 con l’appuntamento di Coppa del Mondo femminile dopo lo straordinario successo di tre anni fa. Gli occhi dell’Italia sciistica e di tutto il Circo Bianco sono puntati su questo evento che, come al solito, è destinato a raccogliere l’entusiasmo degli addetti ai lavori e degli appassionati.

Ampio spazio è stato dato durante l’incontro alla Coppa del Mondo con la presenza di Flavio Roda, Presidente della Federazione italiana sport invernali (FISI), e del campione Giorgio Rocca e continuerà con altri interventi istituzionali. La conclusione, come tradizione impone, è stata fatto dall’intervento di Giovanni Brasso, Presidente della Sestrieres S.p.a.

Nel corso della conferenza stampa sono stati presentati i prezzi della nuova stagione, i partner commerciali e gli eventi di questo inverno carico di attese e ambizioni.