Tempo di lettura: 2 minuti

"mare"Ricorre domani, 11 aprile, la “Giornata del mare”, ricorrenza nazionale istituita dal nuovo decreto sul Codice della Nautica,  che coinvolgerà gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, con l’intento di diffondere e sviluppare la cultura marinara ed il concetto di “cittadinanza del mare”. La giornata ha appunto lo scopo di sensibilizzare le giovani generazioni ed educarle al rispetto del mare inteso come risorsa di grande valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico, diventando cittadini attivi e tutori della conservazione di un bene indispensabile.

Tutti i Comandi territoriali della Guardia Costiera si sono attivati per l’organizzazione di eventi in sinergia e collaborazione con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, coinvolgendo le scuole di ogni ordine e grado per condividere i valori e gli ideali che dovrebbero accomunare tutti coloro che amano e rispettano il mare.

Nella giornata di domani, con inizio alle ore 08.30, al 2° piano del Terminal crociere del porto di Bari, la Capitaneria di porto di Bari organizzerà un convegno di studio e approfondimento di tutte le tematiche relative al mare e alla sua tutela e valorizzazione, con l’intervento di autorevoli professori dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, come il Prof. Giuseppe MASTRONUZZI del Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali, ed il Prof. Angelo TURSI  del Dipartimento di Biologia, ma anche di cultori della materia e “testimonial” del settore che illustreranno agli studenti delle scuole che interverranno numerosi, sia le prospettive  offerte dalla professione marittima, sia l’approccio con il mare per passione sportiva e divertimento.

In aggiunta all’evento, nella stessa giornata, sarà disponibile per visite a bordo dalle ore 10.00 alle 18.00 il Pattugliatore multiruolo d’altura della Guardia Costiera “Nave Diciotti”, che sosterà nel porto di Bari alla banchina adiacente allo stesso “Terminal Crociere”.

A bordo sarà allestita anche la mostra “Clean sea life”, che sarà illustrata ai visitatori da esperti del CoNISMa (Consorzio Interuniversitario per le Scienze del Mare).