Tempo di lettura: 3 minuti

"totem1"L’ambientazione è di quelle che rapiscono gli occhi prima ancora che lo spettacolo abbia inizio. Siamo al Royal Albert Hall e il ritmo dei bonghi trascina lo spettatore in un viaggio a ritroso fino all’origine della specie umana: Totem. È il titolo del nuovo spettacolo della compagnia circense Cirque du Soleil, scritto e diretto dal regista, attore e drammaturgo Robert Lepage e in programma nel suggestivo teatro di Londra fino al 26 febbraio 2019.

Quasi due ore di spettacolo concepito come un unicum, nel perfetto stile delle performance della compagnia canadese, in cui la narrazione dominante si dirama esplosiva nelle singole scene, pensate per essere, ciascuna, un quadro fatto di numeri mozzafiato, ritmi coinvolgenti, coreografie spettacolari e costumi come opere d’arte. Tra giochi al trapezio, danze amerinde, esibizioni con gli anelli, effetti speciali d’eccellenza, Totem illustra, attraverso un linguaggio acrobatico e visivo, il processo evolutivo della specie umana,dallo stato anfibio originario allo stereotipo dell’uomo moderno e dei suoi più classici cliché: l’atteggiamento dominante sulle altre specie e il desiderio di volare.

"totem"I protagonisti – interpretati da più di 50 artisti provenienti da 18 Paesi del mondo – si evolvono tra miti e civiltà, intessendo legami sempre diversi con la natura ed esplorando i sogni più reconditi della specie umana e le potenzialità della sua mente attraverso numeri aerei d’avanguardia e proiezioni digitali. Lo stesso palcoscenico, allestito come l’esoscheletro di una enorme tartaruga, richiama, per tutta la durata della performance, la simbologia di antiche civiltà e la durezza dei processi di selezione ed evoluzione della specie.

Eccezionalmente minuziosa la cura delle scenografie e dei costumi, capaci di essere parte integrante dello spettacolo e, al contempo, perfetta cornice all’eccellenza atletica degli artisti. Sul ritmo intrigante di colonne sonore arcaiche, rigorosamente eseguite dal vivo, questi ultimi utilizzano i propri corpi come strumenti capaci di generare arte, con apparente noncuranza di quali siano i limiti che la natura impone al corpo, alla mente, alla creatività dell’uomo.

Ideato e strutturato per incantare lo spettatore e renderlo emotivamente protagonista della narrazione, Totem è spettacolo a 360 gradi, dove le più impensabili abilità degli atleti trovano risonanza nella suggestione della moderna tecnologia, in un insieme che non può che essere considerato la vera essenza dell’arte.