Tempo di lettura: 2 minuti

"WhatsApp-Image-2018-04-29-at-10.45"

Una settimana intensa, un susseguirsi di grandi nomi del cinema e di film in anteprima, questo e tanto altro è stato il Bif&st 2018.

Conclusosi ieri, il Bari International Film Festival ha ospitato, anche nell’ultima giornata, dei nomi incredibili. La mattinata ha avuto inizio con la masterclass-evento del grande maestro Bernardo Bertolucci preceduta dalla proiezione de La strategia del ragno, vera e propria gemma della sua filmografia; il pomeriggio, invece, è stato dedicato al talento di Giuseppe Tornatore che è tornato al Bif&st nel trentennale dalla anteprima mondiale del suo film capolavoro Nuovo cinema Paradiso, avvenuta a Bari durante EuropaCinema88 nell’allora esistente cinema Oriente.

"WhatsApp-Image-2018-04-29-at-10.45"Si è proseguito, poi, con la conferenza stampa conclusiva nella quale Felice Laudadio, direttore del festival, Margarethe Von Trotta, Presidente del festival, Antonio Decaro, Sindaco di Bari e Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia, hanno discusso e tratto le somme del festival. Tra le tante cose, è emersa l’esigenza, da parte dell’organizzazione del festival, di poter conferire alla manifestazione ancora più prestigio. “Io non pretendo -ha dichiarato Laudadio- ma chiedo alle Istituzioni qui presenti, un’attenzione durante il festival, in modo che nel periodo del Bif&st esista solo la manifestazione, come unicum, e che non si debba sovrapporre ad altri eventi in città”.
Per questa ragione, Laudadio ha voluto, in anteprima, comunicare le date dell’edizione 2019 (dal 27 aprile al 4 maggio) e, addirittura, si è spinto sino al 2020 (21/28 marzo) proprio per assicurare una completa attenzione al festival nella sua interezza. Una proposta, questa, che sembra essere stata presa in considerazione dal Presidente e dal Sindaco che, comunque, devo destreggiarsi -come hanno dichiarato- tra i tanti eventi che, fortunatamente, Bari riesce ad abbracciare.

"WhatsApp-Image-2018-04-29-at-10.45"La giornata, densa di eventi incredibili, non poteva che terminare con la splendida serata al Petruzzelli dove è avvenuto l’incontro fra i due premi Oscar e la consegna da parte di Giuseppe Tornatore a Bernardo Bertolucci del Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence.
Dopo l’assegnazione dei premi finali della nona edizione del Bif&st è stato il momento della tanto attesa proiezione, in anteprima assoluta, della copia restaurata dalla Cineteca Nazionale del CSC a cura di Vittorio Storaro, del censurato capolavoro Ultimo tango a Parigi. Un lungo applauso finale, segno del successo ottenuto anche quest’anno, ha concluso la nona edizione del Bif&st.

Photo credits: Raffaella Fasano