Tempo di lettura: 1 minuto

"ArcadiIl celebre pianista russo Arcadi Volodos terrà domani un concerto nel Teatro Petruzzelli per la stagione sinfonica della Fondazione Petruzzelli. In programma – si sottolinea in una nota – Papillons op.2 (1829-31) di Robert Schumann, 8 Klavierstücke op.76 (1871-1878) di Johannes Brahms, Sonata in si bemolle maggiore n. 21 D960 (1828) di Franz Schubert (1828).
Volodos è attualmente uno dei migliori pianisti del mondo, considerato un genio per la sua capacità unica di combinare un virtuosismo eccezionale con una musicalità profonda ed espressiva. È diventato – viene spiegato dagli organizzatori dell’evento – un riferimento mondiale nella musica classica negli ultimi due decenni grazie al suo talento e alla sua creatività come interprete.
Inizialmente preparato per essere direttore di coro, l’interesse per il pianoforte è aumentato durante la sua giovinezza. Volodos ha iniziato una formazione accademica come pianista all’età di 15 anni al Conservatorio di San Pietroburgo, senza prospettive professionali. Ha continuato gli studi avanzati al Conservatorio di Mosca con Galina Egiazarova, al Conservatorio di Parigi e alla scuola di musica Reina Sofia di Madrid. Volodos ha firmato il suo primo contratto discografico con Sony nel 1996 dopo aver affascinato un dirigente della compagnia in un’audizione privata ad Antibes (Francia). Il suo album di debutto «Volodos: Piano Transcriptions» (1997) è stato l’inizio di un’impressionante discografia che comprende nove dischi e numerosi premi (Gramophone, Echo Klassik, Diapason d’Or, Choc de Classica.