Tempo di lettura: 1 minuto

"2666567_9e7967_768x522"Prosegue la stagione del teatro polifunzionale AncheCinema di Bari.
Nella serata di ieri, 18 novembre, il pubblico ha potuto godere della presenza sul palco di Paolo Rossi che, accompagnato da Emanuele Dell’Aquila e Alex Orciari, ha messo in scena "L’Improvvisatore 2".

Tagliente, ironico, dissacrante, lo stile di Rossi al quale siamo stati abituati si ritrova anche in questo nuovo spettacolo che deriva direttamente dal precedente ‘L’improvvisatore’. Come preannunciato dallo stesso attore (“In questo Improvvisatore 2, ovvero L’Intervista, mi affiderò al genere appunto dell’intervista in cui, come in bizzarre conferenze, il pubblico sarà per forza o per forza inevitabilmente coinvolto”), in questa nuova formula, è stata aggiunta un’intervista con domande arrivate direttamente dal pubblico e, infatti, la serata si è aperta con un dibattito sullo spettacolo appena visto!

Lui che si definisce scherzosamente improvvisatore, veggente e prestigiatore cerca l’interazione continua con il pubblico affinché, preso dall’umore della sala, possa far comparire dal suo cilindro un aneddoto o uno spunto sempre diverso. Lo spettacolo diventa così un susseguirsi di racconti, di storie legate alla sua vita umana e professionale e, quindi, diventa d’obbligo citare i suoi compagni e maestri come Enzo Iannacci, Dario Fo e Giorgio Gaber.
Si passa, poi, a trattare del sociale, dell’alcolismo degli attori, dell’economia umana spiegata ad una mandria di mucche, il tutto enfatizzato da qualche nota autobiografica.

Uno spettacolo intenso che diverte e fa riflettere e che scorre via velocemente ed è, dunque, inevitabile richiede un bis o un tris (come afferma lo stesso Rossi!).