Tempo di lettura: 1 minuto

"auditorium"Madrina Carla Fracci, che interpretò la suite della Strada, l’auditorium Nino Rota si riaprirà domani a Bari dopo 26 anni con un concerto di musiche di Nino Rota (’Rappresentazione d’Adamo ed Evà musica per il balletto su soggetto di Aurel Milloss e la suite del balletto La strada) eseguito dall’Orchestra del Conservatorio diretta dal maestro Giovanni Pelliccia. La serata è dedicata a Nino Rota perché si deve alla sua caparbietà la nascita a Bari dell’Auditorium.
Il Conservatorio Piccinni nasce alla fine degli anni 50 del secolo scorso quando il Liceo musicale si trasferisce da un appartamento in città nella villa Bucciero-Lindemann e viene intitolato al compositore barese Niccolò Piccinni. Il primo direttore fu Nino Rota e si deve a lui la nascita dell’Auditorium, commissionato nel 1959, la sala a pianta esagonale, viene inaugurata nel 1981 (due anni dopo la morte di Rota) quando il Conservatorio era guidato da Vitantonio Barbanente. Anche in quella occasione per il concerto inaugurale furono eseguire musiche di Rota. Dopo 10 anni fu chiuso per lavori di adeguamento e dopo 26 anni e complicazioni burocratiche si à arrivati alla nuova inaugurazione di domani.