Tempo di lettura: 6 minuti

 

Incontri, presentazioni di libri, reading, dibattiti, concerti, performance d’arte e molto altro ancora: venerdì 25 agosto torna nel centro storico di Noci la seconda edizione del festival culturale «Tra i vicoli della mente» e si protrarrà anche sabato 26 e domenica 27. La manifestazione è organizzata dall’associazione culturale «Vivere d’Arte Eventi», in collaborazione con il Parco letterario Formiche di Puglia e Noci My Destination, ed è sostenuta dall’amministrazione comunale, inserita nel programma «Noci Estate 2017, luoghi, tradizioni, persone».

 I numerosi appuntamenti sono riuniti nel tema «Linguaggio e Territorio» e saranno dislocati in cinque location del centro storico di Noci: Piazza Plebiscito, Largo Torre, Via Spirito Santo, Gnostra del Cucco (Via Porta Nuova), Largo Albanese. Venerdì 25, alle 17,30 si inaugurerà la mostra fotografica di Anna Simi, intitolata «Capissce a mmé. Do you understand me?», dieci scatti per spiegare i modi di dire che caratterizzano l’idioma barese. Tra gli ospiti della prima giornata Antonio Caprarica (in Largo Torre alle 22) presenterà il suo libro «L’ultima estate di Diana» (Sperling & Kupfer): sotto la lente d’ingrandimento la «principessa triste»donna inquieta ma piena di vita, che con le sue scelte ha lasciato un segno evidente nella storia di una nazione, e a vent’anni dalla scomparsa continua a esercitare il fascino e la suggestione dei miti. E poi ancora Michele Mirabella con «Cantami o mouse: il mondo di oggi spiegato dagli antichi» (Mondadori), in Largo Albanese alle 20, Raffaele Nigro con «Ritorno in Lucania» (Progedit), in Largo Torre alle 20,45; altri incontri tra arte, saggistica, fotografia, poesia e narrativa si avvicenderanno con gli interventi di Fabrizio Bellomo, Antonella Millarte, Francesco Maggiore, Corrado La Forgia, Nicola Intini, Nino Guarnacci, Luciana De Palma, Mariavaleria Mininni, Giuseppe Di Pace, Vito Antonio Loprieno, Antonio Natile, Francesco Lorusso, Gianpaolo Mastropasqua, Ilaria Caffio.
La serata si concluderà alle 23, in Largo Plebiscito: l’attore Vittorio Goffredo andrà in scena con lo spettacolo teatrale «A tu per tu – Non s’ha da fare show», una rilettura sui generis dei Promessi sposi manzoniani.
Il centro storico di Noci, con le peculiari caratteristiche di tessuto urbano in cui i percorsi si incontrano, si intrecciano e divergono, rappresenta l’essenza del significato e del nome stesso della manifestazione: Tra i vicoli della mente vuole essere un percorso di ricerca, le cui risposte sono la risultante di una pluralità di voci e prospettive, messe a confronto perché solo se impariamo a guardare la realtà attraverso differenti lenti possiamo provare a metterne a fuoco il significato e a portare avanti la ricerca di senso, a cui ogni individuo tende per estrinsecare la potenzialità del suo essere “uomo”.
«Il festival – spiega il direttore artistico Gabriele Zanini – nasce proprio con l’intento di confrontarsi sui molteplici aspetti della mente umana: lo scorso anno abbiamo discusso dell’alterità, dell’importanza di “aprirsi” all’altro, della necessità di essere pronti come cittadini e come comunità in queste sfide globali. Quest’anno, invece, sarà la peculiarità del territorio e del suo linguaggio a coinvolgere scrittori, giornalisti, artisti e il pubblico. Lo faremo attraverso circa 30 appuntamenti in totale».
Nei giorni successivi, tra i tanti ospiti, ci saranno la sociologa Antonietta Di Lorenzo, che svelerà l’attualità del familismo amorale del politologo statunitense Edward C. Banfield (1916-1999), Gianni Rigoni Stern (figlio del grande scrittore Mario Rigoni Stern), che spiegherà la particolarità e la bellezza del suo progetto «La transumanza della Pace».
Altri scrittori e intellettuali saranno Lino Patruno, il professor Eugenio Imbriani (antropologo della Facoltà di Lecce), Maria Di Loreto ed Enrica Simonetti (che parleranno del linguaggio del mare e dell’importanza che i fari hanno rivestito attraverso i secoli), gli onorevoli Massimo Mucchetti e Daniele Capezzone, con Davide Grittani e il suo libro «E invece io» (tra i finalisti del Premio Strega 2017), Ilaria Piperno, traduttrice del successo mondiale «Lost in Translation».
Novità di quest’anno sarà la «Sezione Bimbi», con appuntamenti dedicati ai più piccoli, e i punti ristoro «Gusto e Sapori», che delizieranno i presenti con il panino «Tra i vicoli della mente», farcito con prodotti tipici del territorio pugliese. La sezione dedicata all’arte sarà invece a cura della galleria d’arte «Spaaace» di Noci. Tutti gli incontri sono a ingresso libero: info e dettagli sulla pagina Facebook del festival, «Tra i vicoli della mente», o di «Vivere d’Arte Eventi». Programma in dettaglio qui: http://fliphtml5.com/hyuu/btje.
Infotel: 328.906.49.48