Tempo di lettura: 2 minuti

"unnamed"E’ Marianne Mirage la prima protagonista dell’evento più cool dell’estate pugliese: il Giovedì Friendly dell’Eremo Club di Molfetta (S.S. Molfetta-Giovinazzo Km. 779, uscita Cola Olidda. Info: 340/72.25.770). Appuntamento inclusivo e accogliente per definizione in grado di dar spazio con semplicità e leggerezza a tutti “i mondi possibili dell’amore”, come ama dire la direttrice artistica Luigia Altamura. Un esperimento leggero e festoso, arrivato al suo terzo anno di vita forte di una proposta artistica priva di barriere di genere, linguistiche, musicali, culturali e anagrafiche.

Dopo il breve showcase dell’anno scorso, Marianne Mirage torna all’Eremo giovedì 22 giugno (apertura porte 20.30, ingresso gratuito) con la sua voce moderna e la presenza scenica sensuale e carismatica. Fresca finalista di Sanremo Giovani con il brano Le canzoni fanno male, scritto da Francesco Bianconi (Baustelle) e Kaballà, che ha dato anche il titolo all’Ep pubblicato a febbraio, ritratto di una musicista completa che porta, insieme alla sua inseparabile chitarra, nel pop del futuro l’anima e tutti i colori della musica black. Scrittura e canto jazz/soul con una produzione che guarda alle tendenze più attuali del pop confluite in “Le canzoni fanno male“, registrato a Londra e prodotto da due vincitori di Grammy comeTommaso Colliva e Riccardo Damian, un progetto di passaggio prima del prossimo lavoro discografico, una transizione ricca di una nuova energia e di una visione maturata con le esperienze di molti viaggi e dell’ultimo periodo di live acustici nei club: voce-chitarra (la storica Gibson 335) e calabash (percussione africana).

Giovanna Gardelli da Cesena, alias Marianne Mirage, è un’altra scoperta di Caterina Caselli, artista poliedrica (è laureata in Lettere e Filosofia e diplomata in recitazione presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano) che esprime la sua creatività con la voce e la chitarra, ma anche come regista dei suoi videoclip e come disegnatrice, curando l’artwork del primo disco, “Quelli come me” (2016) edito dalla Sugar e i visual dei suoi concerti. Il jazz come ispirazione, il cantautorato francese come passione, Mirage ha trascorso l’adolescenza on the road, in due anni si è esibita già in una lunga serie di concerti in Italia e all‘estero (Berlino, Parigi, Tokyo che hanno fatto da sfondo ad alcuni dei suoi videclip) ed è stata opening act di importanti artisti come Patty Pravo, Zucchero, Negramaro, Raphael Gualazzi, Benjamin Clementine e a maggio 2017 delle date italiane di Patti Smith.

Ma il primo appuntamento con il Giovedì Friendly non finisce qui. A seguire, sulla terrazza vista mare, la scena sarà nelle mani di Ghemon, al secolo Gianluca Picariello, classe ’82, un poeta dell’hip-hop italiano, che incontra la storia della black music e si trasforma in cantante, dando vita ad un mix di generi unico. Il suo prossimo album, “Mezzanotte”, è atteso per fine 2017. Il suo dj-set abbraccerà in pieno i ritmi del funky e del soul, per un fiume di groove in piena.

A completare la serata, le selezioni musicali di Vodkatheduck, le creazioni artistiche di Adry De Martino e la danza Bhangra di Ashkara. Info e gadget sul Puglia Pride di scena a Bari il prossimo 1° luglio in un banchetto allestito per l’occasione negli spazi esterni dell’Eremo.

Il Giovedì Friendly proseguirà con Cristina Donà (29 giugno), Cesare Basile (6 giugno), Julie’s Haircut (20 luglio), Gazzelle (3 agosto) e Angela Baraldi (10 agosto).