Tempo di lettura: 2 minuti

"b"Sono dodici i nuovi brani che Brunori Sas ha inserito nella scaletta del nuovo album in uscita questo venerdì. Il titolo del quarto capitolo discografico firmato dal cantautore calabrese è ‘A casa tutto bene‘ e arriva a distanza di tre anni da quel ‘Vol.3 – Il cammino di Santiago in taxi’ con il quale Dario Brunori aveva cominciato a far parlare di sé anche al di fuori del cosiddetto ambiente musicale indipendente.

"Questo è un disco sentimentale – ha raccontato il cantautore – che cerca di affrontare una serie di paure. È nato dalla volontà di cominciare a raccontare dell’attualità, senza usare più tanto il passato come una sorta di filtro". I racconti contemporanei di Brunori partono da ‘La verità’, il brano che apre l’album, e arrivano fino a ‘La vita pensata’, passando per ‘Uomo nero’ (“Forse il mio pezzo più politico in assoluto – ha detto Brunori – e ho avuto difficoltà ad affrontarlo perché era facile cadere nella retorica del cantautorato militante”), ‘Lamezia-Milano’ (ovvero un tragitto che Brunori fa spesso perché risiede stabilmente a San Fili in provincia di Cosenza), così come per ‘Diego e io’, ‘Don Abbondio’ e le altre tracce con le quali il cantautore si è concentrato sul presente.

"Tutto è cominciato dallo spettacolo di teatro canzone ‘Brunori Srl’ – ha spiegato il diretto interessato – con il quale ho cominciato ad occuparmi di attualità. Lì ho capito che forse avevo terminato le fesserie da dire e che era arrivato il momento di confrontarmi con quello che ci succede attorno tutti i giorni". Per realizzare fisicamente il nuovo album, Brunori e i suoi musicisti hanno passato un periodo isolati in una masseria. “L’ispirazione – ha spiegato il cantautore – non è qualcosa che puoi delegare ad orari precisi come se si trattasse di un lavoro in ufficio. Serve poter mettersi all’opera in ogni momento, così come sono utili anche i momenti di noia"."b3"

Dal 30 gennaio Brunori comincerà una serie di incontri con gli studenti di alcuni atenei universitari italiani (da Siena a Cassino, passando per Ancona, Camerino, Cosenza e Padova), mentre il tour vero e proprio, che si svolgerà tra club e teatri e sarà dedicato anche al nuovo album, prenderà il via da Udine il 24 febbraio. "Il titolo dell’album – ha spiegato Brunori – nasce dall’attrito fra la necessità di uscire di casa e la naturale tendenza al rifugio domestico. Nella stesura del disco ho avvertito la necessità di abbandonare l’isoletta felice delle mie vicende personali".