Tempo di lettura: 2 minuti

"ad2""Nessun filo conduttore ma un’unica lingua: quella del corpo e delle immagini, la lingua delle emozioni che comunicano. Se fossero quadri ricorderebbero gli impressionisti: pennellate pesanti e giochi di luce".

Sedici storie, una raccolta di racconti organizzata sul modello di un vinile che si beve in un sorso e si ascolta come un disco: è "Night Club, sedici storie senza un perché", edito da Favia, opera prima dello scrittore Agostino Di Febo che verrà a presentarlo sabato 10 dicembre (ore 18,30) nella Sala Convegni Perrone – Palazzo delle Cultura (piazza Umberto, Modugno – Bari). Coordina la giornalista Alessia De Pascale."ad3"

Le storie sono distribuite su due “lati" con tre bonus tracks e tempo di lettura, proprio come le canzoni. I racconti possono essere letti da soli, a gruppi o facendo una pausa tra un lato e l’altro, come con il vecchio vinile. Un nottambulo cerca di rompere la routine della notte, una bimba insegna a dormire, un testamento, un mercante, un barbone, la morte. Un magistrato che cerca un motivo per essere libero. Ci portano dentro la storia e ci lasciano soli, ognuno in cerca del proprio perché.

Agostino Di Febo, nato a Modugno, in provincia di Bari. Ha studiato giurisprudenza e ha un dottorato in diritto commerciale. Dal 2005 vive a Roma. È sposato e ha due figli. Ha pubblicato una decina di scritti in materie giuridiche. Night Club è la sua prima raccolta di racconti.