Tempo di lettura: 4 minuti

"tf"Ragazzi, imprenditori, appassionati delle arti performative, curiosi, cinefili e amanti della leggerezza che solo una sana risata può restituire: è questo il pubblico eterogeneo che è intenzionata a conquistare la nuova stagione 2016-2017 del Teatro Forma di Bari, presentata ufficialmente ieri alla stampa.

Arranca ma non si arresta l’impegno profuso dal direttore artistico Michelangelo Busco che, nonostante le oggettive difficoltà da cui è minato il settore culturale, continua a puntare insieme ai suoi collaboratori su un’offerta di qualità. La prossima stagione 2016-2017, in partenza da novembre, presenta un fitto calendario di appuntamenti tra teatro di prosa, musica dal vivo e attività laboratoriali. Al centro del mirino di questa “macchina da guerra” – come definita dallo stesso Busco – un unico obiettivo: il pubblico, ai cui gusti e richieste il direttore artistico è sempre molto attento perché “la nostra più grande gratificazione – commenta – è intercettare la soddisfazione degli spettatori all’uscita dal teatro”.

Il nuovo cartellone di eventi è salutato con favore anche dall’assessore alle culture e al"tf2" turismo Silvio Maselli che definisce il Forma “un raggio di sole” e “un antidoto” contro gli episodi poco edificanti di cui troppo spesso Bari continua ad essere protagonista. Coltivare la bellezza dell’arte per aiutare la città a crescere, questa la sua speranza.

Tornando a puntare lo sguardo verso novembre, cosa aspettarsi quindi dalla nuova stagione del Teatro Forma? Dei ritorni, delle costanti e alcune novità. Iniziamo dal prezzo del biglietto che, come rassicurato da Busco, continuerà ad essere alla portata di tutti per rendere gli spettacoli accessibili a chiunque, con tariffe che spaziano dai 12,00 ai 35,00 euro in base alla portata dell’evento.

Per quanto riguarda la programmazione, invece, ad inaugurare la stagione sarà la rassegna Around Jazz (prevendite aperte da ieri) con ben 7 appuntamenti live, da José James (6 novembre) sino al frontman degli Incognito Tony Momrelle (1 aprile) passando per le esibizioni di Jacob Collier (26 novembre), Eugenio Finardi (17 dicembre), James Senese accompagnato da Napoli Centrale (21 gennaio), ‘l’affezionato’ Ed Motta (11 febbraio) e gli Avion Travel (25 febbraio).

"tf3"A tornare è anche la kermesse organizzata dall’associazione Nel Gioco del Jazz con 9 concerti dal vivo, come illustrato dal presidente Donato Romito presente alla conferenza stampa. Per quanto riguarda, invece, il teatro di prosa, il Forma ospiterà 3 rassegne – Risollevante, Sorrisi e Canzoni e una terza a cura della Nikolaus Production – in cui ampio spazio troverà il cabaret, cui si aggiungono due spettacoli dell’Anonima GR, “Arriva l’ispettore” e “Il fantasma”. Mentre, notizia fresca di ieri mattina, è la conferma della presenza il 27 novembre anche di Ettore Bassi con “Il sindaco pescatore”.

Ma il Forma non è solo spettacoli. La stagione 2016-2017 presenterà anche diverse attività laboratoriali. Prima fra tutte Teatro&Impresa, a cura del regista e attore Fabiano Marti e della psicologa e psicoterapeuta Laura Conte, che presenta ben 6 percorsi formativi rivolti a manager d’impresa. I professionisti sono invitati a ‘sbottonarsi’ dai loro panni dirigenziali per mettersi in gioco acquisendo, grazie al teatro, nuove capacità di gestione dei rapporti col personale e maggiore prontezza nel fronteggiare possibili imprevisti. Questi i laboratori proposti:

  • “Leader a teatro”
  • “Comunicare e coinvolgere”
  • “Improvvisa-la-mente”
  • “Public speaking a teatro”
  • “Attori per un giorno”
  • “Ora et labora… in sicurezza”

Il teatro si mette al servizio, quindi, delle imprese, insegnando ai manager attraverso il"tf6" lavoro sulla voce, sul corpo e sull’improvvisazione, a comunicare meglio e a sviluppare un’intelligenza emotiva che darà i suoi frutti in azienda. Del resto, sostiene Laura Conte: “Siamo tutti attori. Pur restando sempre noi stessi, viviamo tutti in dei ruoli, nella vita privata come in quella professionale”.

A completare il programma, infine, il Laboratorio di Teatro e il Laboratorio di Cinema sotto la direzione artistica di Dedi Rutigliano, entrambi rivolti ad un pubblico sia giovane che adulto e che si concluderanno a maggio portando in scena spettacoli e cortometraggi.

Insomma, il Teatro Forma è deciso a mantenere una ‘forma’ smagliante anche per questa nuova stagione. Non un semplice contenitore culturale ma uno spazio aperto che accolga cultura e diffonda cultura, formando anche gli imprenditori di oggi e il pubblico di domani.

Per maggiori info:

www.teatroforma.org

www.facebook.com/teatroforma.org