Tempo di lettura: 2 minuti

"bocelli"C’è anche una Ferrari dipinta a mano dalla pittrice egiziana Shalemar Sharbatly tra i lotti dell’asta benefica della Celebrity Fight Night, in programma l’11 settembre a Palazzo Vecchio per raccogliere fondi a favore della Andrea Bocelli Foundation e del Mohammed Ali Parkinson Center. Nata al Cairo nel 1971, l’artista ha iniziato a dipingere a 3 anni e a 13 le sue opere sono state pubblicate nella rivista d’arte egiziana «Sabah Al Kheir». Il suo nome figura tra le 100 persone che hanno influenzato l’arte e la cultura di Jeddah, dove ha anche dipinto alcune statue.
Per l’evento di Firenze la pittrice ha reso unica una Ferrari, dipingendo completamente la carrozzeria, nel mondo sono soltanto tre le vetture dipinte da lei (di cui una Porsche di sua proprietà). La vettura era in mostra ieri sera nel giardino della villa della famiglia Bocelli, a Lajatico, dove si è svolta una cena di gala con intrattenimento musicale, cui hanno partecipato ospiti tra i quali l’attore Nicolas Cage.

"george"Nel 1986 Shalemar Sharbatly ha firmato la sua prima mostra e poi ha preso parte a mostre con artisti internazionali come Abel Halim Radwa e Omar Al Najdy. Entro la fine dell’anno lancerà una linea di abbigliamento, Shalemar Paris, con capi tradizionali e altri dipinti a mano, e una linea di porcellane.
«Ho l’arte nel sangue – dice – da quando avevo 3 anni non ho mai smesso di dipingere, è come bere o mangiare, è il talento che parla». In occasione dell’iniziativa Nicolas Cage ha ricevuto dalla Andrea Bocelli Foundation un riconoscimento per il suo impegno sociale. «Siamo tutti fratelli e sorelle, non importa in cosa scegliamo di credere o il colore della pelle, non esistono più distanze – ha detto l’attore – ma scegliamo di muoverci verso l’amore e la comprensione».

"FLORENCE:Domani la serata di gala: aperitivo sulla terrazza degli Uffizi e red carpet a Palazzo Vecchio per la cena e l’asta di beneficenza nel Salone dei Cinquecento. Per l’occasione Bocelli sarà sul palco con amici e artisti per una performance insieme ai musicisti del Maggio Musicale Fiorentino diretti da Zubin Mehta. Attesissima ospite Rania di Giordania, cui sarà consegnato l’Andrea Bocelli l’Humanitarian Award.